19 Settembre 2017
immagine di testa


  • immagine di testa
  • immagine di testa
  • immagine di testa
News
percorso: Home > News > Cultura

Università, un ordinario catanese accusa: "Governi e atenei hanno sbarrato le porte agli studenti"

16-07-2017 07:06 - Cultura
L´atto di accusa e di quelli che lasciano il segno, soprattutto per essere stato pronunciato non dal rappresentante di un collettivo studentesco o da un qualsiasi studente ma, addirittura, da uno dei più preparati ed accreditati docenti dell´Ateneo catanese, il professor Antonio Di Grado, docente ordinario di Letteratura italiana presso il Dipartimento di Scienze umanistiche, dopo una sessione d´esami, come riporta Live Unict, una rivista online che informa in modo egregio sulle principali novità del mondo accademico, ed in particolare del contesto etneo.

"Dotati di "una sorprendente intelligenza d´amore", gli studenti cercano di seguire la propria sete di conoscenza, nonostante l´università sia ormai troppo incentrata sui crediti formativi. A riflettere sulla vicenda è il prof. Antonio Di Grado, ordinario di Letteratura italiana presso il Dipartimento di Scienze umanistiche, dopo una sessione d´esami.
"Esami torridi: una pena per chi esamina ma soprattutto per chi è esaminato. scrive il docente sui social Alleviata, per quanto mi riguarda, dalla bravura e dalla passione degli esaminati. Ma chi ha detto che questi ragazzi siano meno bravi delle generazioni precedenti? Circola questa idée reçue; io credo piuttosto il contrario. C´è una curiosità, c´è una passione per la conoscenza, c´è uno slancio vitale, nelle ultime generazioni, che né i governi né le università sono riusciti a soffocare".

"E sì che governi e atenei hanno sbarrato loro tutte le porte, continua e sì che hanno polverizzato il sapere e anestetizzato il pensiero critico; ma perfino nella giungla dei crediti, e pur nella prevalenza dei saperi ´neutri´, questi ragazzi riescono a forgiare una inedita e sorprendente ´intelligenza d´amore´. Unico aspetto involutivo, semmai, la scrittura, solitamente più sciatta e scorretta: ma sarei disposto perfino ad abbandonare il mio anacronistico purismo linguistico se questi ragazzi appassionati sapessero regalarci, assieme a un mondo nuovo, anche una nuova lingua".



[Realizzazione siti web www.sitoper.it]