21 Aprile 2018
[]

[]

Ricorsi su mobilità docenti, Sezioni Unite precisano a quale giudice chiedere l´annullamento dell´assegnazione

12-04-2018 06:30 - Cassazione Sezione Lavoro
Importantissima sentenza depositata il 10 aprile. È il giudice ordinario, e non il Tar, che secondo le Sezioni Unite è munito di giurisdizione in materia.

Con sentenza n. 8821 del 10 aprile 2018, la Corte di Cassazione a Sezioni Unite ha stabilito che con riferimento alla mobilità dei docenti, i provvedimenti con cui questi ultimi vengono assegnati ad ambiti territoriali non prioritariamente indicati nelle loro domande di mobilità, attengono alla fase esecutiva del rapporto di lavoro. Con l´ovvia conseguenza che, nel caso in cui detti provvedimenti siano opposti, il Giudice competente a decidere sull´opposizione è quello ordinario e non l´autorità giudiziaria amministrativa. Ma vediamo più dettagliatamente la questione.

Il caso
Le ricorrenti, assunte come docenti, avevano proposto dinanzi al TAR competente ricorso contro:
i) i provvedimenti di assegnazione degli ambiti territoriali emessi in attuazione del CCNL concernente la mobilità del personale docente ed ATA per l´anno scolastico 2016/2017;
ii) l´ordinanza ministeriale avente ad oggetto la disciplina della mobilità del personale docente, educativo ed ATA per l´anno scolastico 2016/2017;
iii) il CCNL integrativo riguardante proprio la mobilità predetta.
In buona sostanza, le ricorrenti lamentavano che tutta la disciplina relativa alla procedura di mobilità territoriale fosse illegittima e che nei loro specifici casi i criteri di trasferimento ad altre cattedre non rispecchiavano quelli di cui le stesse erano titolari. La stessa ordinanza ministeriale sulla base della quale erano stati emanati i provvedimenti di assegnazione degli ambiti territoriali, a loro dire, era lesiva nei loro confronti. E ciò in considerazione del fatto che non erano stati chiariti né i posti disponibili per tipologia e provincia, né le modalità di assegnazione, né l´elenco dei docenti. Il TAR si pronunciava sull´inammissibilità del ricorso per carenza di giurisdizione del Giudice amministrativo in favore del Giudice ordinario. A parere del TAR, infatti, la materia della mobilità essendo riservata alla contrattazione collettiva e riguardando la fase esecutiva del rapporto di lavoro, è di competenza dell´autorità giudiziaria ordinaria. La questione è stata sottoposta all´attenzione della Suprema Corte.


La decisione della SC.
La Corte di Cassazione, innanzitutto, fa la seguente distinzione:
  • gli atti amministrativi emanati dalla Pubblica Amministrazione per dettare i principi guida inerenti l´organizzazione dei propri uffici non influiscono sui diritti di cui sono titolari i dipendenti (diritti soggettivi). Tali atti, essendo espressione di un potere autoritativo della Pubblica Amministrazione, possono incidere solo sull´interesse legittimo, ossia sul´interesse del privato al corretto uso del potere pubblico;
  • gli atti emanati dalla Pubblica Amministrazione, in qualità di datrice di lavoro, con cui la stessa gestisce i rapporti di lavoro con i suoi dipendenti, sono espressione, invece, dell´esercizio di poteri di natura privata, ossia di poteri corrispondenti a quelli esercitati da un datore di lavoro privato (art. 5 D.lgs. 165 del 30 marzo 2001, "Norme generali sull´ordinamento del lavoro alle dipendenze delle amministrazioni pubbliche"). Tali atti, al contrario dei precedenti, possono incidere sui diritti soggettivi dei dipendenti.

Chiarita questa distinzione, i Giudici di legittimità affermano che contro il secondo tipo di atti è possibile ricorrere al Giudice ordinario, la cui competenza resta ferma anche quando tali atti siano stati emanati in conseguenza di un atto del primo tipo. E ciò in considerazione del fatto che si tratta, comunque, di atti di natura privata. Orbene, tornando al caso di specie, l´ordinanza ministeriale impugnata dalle ricorrenti, sulla base della quale sono stati emanati i provvedimenti di assegnazione degli ambiti territoriali, riguarda le modalità di applicazione delle norme del CCNL integrativo (CCNLI), concernenti la mobilità del personale docente. Il CCNLI, a sua volta, rinvia, per le modalità di esecuzione delle sue disposizioni, all´adozione di un´ordinanza ministeriale ai sensi dell´art. 462 del D.Lgs. 297 del 16 aprile 1994 ("Testo Unico delle disposizioni legislative vigenti in materia di istruzione, relative alle scuole di ogni ordine e grado"). Il richiamo al CCNLI da parte dell´ordinanza in questione rende indubbio che la materia della mobilità è sottratta al potere autoritativo e pubblicistico dell´Amministrazione, essendo espressione, invece, dell´esercizio di un potere corrispondente a quello di un datore di lavoro privato. E ciò in quanto detta procedura riguarda la gestione e le modalità di esecuzione dei rapporti di lavoro con i dipendenti pubblici, la cui natura, per legge, è stata equiparata a quella privatistica. La natura privatistica della procedura di mobilità, peraltro, interessa anche l´ordinanza ministeriale impugnata dalle ricorrenti, Infatti, detta ordinanza, non stabilendo alcun principio guida in merito all´organizzazione degli uffici pubblici, ma disciplinando solo le modalità della procedura di mobilità (e quindi le modalità di esecuzione del rapporto di lavoro), non può ritenersi il frutto dell´esercizio del potere autoritativo della Pubblica Amministrazione, bensì espressione del potere esercitato da quest´ultima in qualità di datrice di lavoro. Tali argomentazioni, dunque, non fanno altro che consolidare la decisione del TAR, condivisa dalla Suprema Corte, ossia che tutti provvedimenti oggetto del ricorso delle docenti, nella questione in esame, non sono impugnabili dinanzi al Giudice amministrativo, ma dinanzi al Giudice ordinario. Diverso sarebbe stato il caso in cui le ricorrenti avessero impugnato la procedura concorsuale, diretta non alla mobilità, ma all´assunzione dei docenti (e più in generale dei dipendenti pubblici). In questi casi i provvedimenti relativi a tale procedura, finalizzati a fissare i criteri guida per l´organizzazione degli uffici pubblici e non a gestire i rapporti di lavoro, sarebbero stati espressione del potere pubblicistico e autoritativo dell´amministrazione. Con l´ovvia conseguenza che, in caso di eventuali opposizioni, il Giudice competente a decidere sarebbe stato quello amministrativo, anziché quello ordinario. Alla luce di tali considerazioni, pertanto, la Corte di Cassazione ha rigettato il ricorso proposto dalle docenti, affermando, nel caso in esame, la competenza del Giudice ordinario.











Rosalba Sblendorio, autrice di questo articolo, si è laureata presso l´Università degli Studi di Bari nell´anno 2001 e ha conseguito l´abilitazione alla professione di avvocato nell´anno 2004. E´ iscritta all´Ordine degli Avvocati di Bari. Ha già pubblicato su questo sito i seguenti articoli: "Associazione pesca sportiva, SC chiarisce quando ha legittimazione attiva in giudizi a tutela ambiente", http://www.avvocatirandogurrieri.it/Associazione-di-pesca-sportiva-il-no-della-Cassazione-alla-legittimazione-attiva-nei-giudizi.htm;
"Utilizzazione abusiva acqua pubblica: l´illecito resta anche se è pendente il procedimento di sanatoria", http://www.avvocatirandogurrieri.it/Utilizzazione-abusiva-acqua-pubblica-l-illecito-resta-anche-se-e-pendente-il-procedimento-di-1.htm;
"Riproduzione di una foto: è possibile se non c´è consegna del negativo o di altro mezzo di riproduzione?", http://www.avvocatirandogurrieri.it/Riproduzione-di-una-foto-e-possibile-se-non-c-e-consegna-del-negativo-o-di-altro-mezzo-di.htm;
"Chi risponde dei danni causati da autoarticolato? La soluzione della Cassazione", http://www.avvocatirandogurrieri.it/Sinistro-autoarticolato-causa-danni-SC-responsabili-solidalmente-proprietario-motrice-e-rimorchio.htm; "Punti su patente, Cassazione: nessun obbligo di comunicazione ad utente in caso di variazioni", http://www.avvocatirandogurrieri.it/Punti-su-patente-Cassazione-nessun-obbligo-di-comunicazione-ad-utente-in-caso-di-variazioni.htm, "Concorrenza sleale: il fallimento della società convenuta non fa venir meno la condotta illecita", https://www.avvocatirandogurrieri.it/Concorrenza-sleale-il-fallimento-della-societa-convenuta-non-fa-venir-meno-la-condotta-illecita.htm,
"Privacy: trattamento dati sensibili, SC chiarisce quando occorrono tecniche di cifratura", https://www.avvocatirandogurrieri.it/Privacy-trattamento-dati-sensibili-SC-chiarisce-quando-occorrono-tecniche-di-cifratura.htm, "Plagio di un´opera, quando è responsabile anche la galleria d´arte?", https://www.avvocatirandogurrieri.it/Plagio-di-un-opera-quando-e-responsabile-anche-la-galleria-d-arte.htm,
"Opposizione a sanzioni IGP e DOP, Cassazione sul giudice competente", https://www.avvocatirandogurrieri.it/IGP-e-DOP-quando-e-competente-il-Giudice-di-Pace.htm, "Fazzoletti di carta e tracce di nickel: SC ne conferma la difettosità", https://www.avvocatirandogurrieri.it/Fazzoletti-di-carta-e-tracce-di-nickel-SC-ne-conferma-la-difettosita.htm, "Se abilitabilità manca, acquirente bene può ottenere un risarcimento: SC precisa tempi e modalità", https://www.avvocatirandogurrieri.it/Se-abilitabilita-manca-acquirente-bene-puo-ottenere-un-risarcimento-SC-precisa-tempi-e-modalita.htm, SC compone "guerra dei marchi": "Nullità non rilevabile da giudice d´ufficio", https://www.avvocatirandogurrieri.it/Marchio-la-sua-nullita-non-e-rilevabile-dal-Giudice.htm; "Reiterazione vincolo espropriativo, SC precisa: nessuna indennità se non è provato il danno effettivamente", https://www.avvocatirandogurrieri.it/Reiterazione-vincolo-espropriativo-SC-precisa-nessuna-indennita-se-non-e-provato-il-danno.htm, "Mobilità personale docente, educativo e ATA, SC precisa: il CCNI da allegare o sue norme disapplicate", https://www.avvocatirandogurrieri.it/Mobilita-personale-docente-educativo-e-ATA-SC-precisa-il-CCNI-va-sempre-allegato-a-pena-di.htm, Contratti scolastici annuali, Cassazione: "Diritto a progressione carriera se manca novità", https://www.avvocatirandogurrieri.it/Contratti-a-termine-ripetuti-nel-tempo-settore-scolastico-SC-solo-in-presenza-di-ragioni-oggettive.htm; Esproprio terreno agricolo, SC stabilisce come calcolare indennità: "Contesto urbanizzato può far la differenza", https://www.avvocatirandogurrieri.it/Terreno-agricolo-non-edificabile-indennita-di-esproprio-SC-precisa-l-importanza-della-sua.htm, Concorsi, diploma triennale è equiparato al quinquennale, SC: "durata corso studi irrilevante se non imposta da bando", https://www.avvocatirandogurrieri.it/Concorso-durata-corso-di-studi-irrilevante-se-il-bando-non-la-indica-come-requisito-essenziale.htm.
Documenti allegati

[Realizzazione siti web www.sitoper.it]
close
Richiedi il prodotto
Inserisci il tuo indirizzo email per essere avvisato quando il prodotto tornerà disponibile.



Richiesta disponibilità inviata
Richiesta disponibilità non inviata
invia ad un amico
chiudi
Attenzione!
Non puoi effettuare più di 10 invii al giorno.

Informativa Privacy
Informativa ex art. 13 del Codice della Privacy (Decreto Legislativo 30 Giugno 2003, n. 196 recante Testo Unico delle norme in materia di tutela delle persone e di altri soggetti rispetto al trattamento dei dati personali) Gentile Signore/a, desideriamo informarLa, ai sensi dell´articolo 13 del Decreto Legislativo 30 Giugno 2003, n. 196 recante Testo Unico delle disposizioni legislative in materia di tutela delle persone e di altri soggetti rispetto al trattamento dei dati personali (di seguito "Codice"), che le informazioni ed i dati da Lei forniti nella compilazione del modulo elettronico per la segnalazione delle proposte di collaborazione con lo Studio Legale Avvocati Rando Gurrieri Di Martino & Partners, e tramite la trasmissione on-line di un curriculum secondo le procedure previste nella presente sezione del portale saranno oggetto di trattamento nel rispetto delle disposizioni sopra menzionate e degli obblighi di riservatezza che ispirano l´attività dello Studio Legale Avvocati Rando Gurrieri Di Martino & Partners. Per trattamento di dati personali intendiamo qualunque operazione o complesso di operazioni, effettuati anche senza l´ausilio di strumenti elettronici, concernenti la raccolta, la registrazione, l´organizzazione, la conservazione, la consultazione, l´elaborazione, la modificazione, la selezione, l´estrazione, il raffronto, l´utilizzo, l´interconnessione, il blocco, la comunicazione, la diffusione, la cancellazione e la distruzione di dati, anche se non registrati in una banca di dati. Ai sensi dell´articolo 13 del Codice, Le forniamo quindi le seguenti informazioni. Il trattamento che intendiamo effettuare:a) ha le seguenti finalità: ricevere le richieste di collaborazione professionale con lo Studio Legale Avvocati Rando Gurrieri Di Martino & Partners inviate da Avvocati ed altri liberi professionisti, valutare i profili e le possibili collaborazioni potenzialmente attivabili e gestire tutte le fasi connesse (comunicazioni con gli interessati, colloqui).b) sarà effettuato con l´ausilio di strumenti elettronici. In particolare, i CV ricevuti e/o le informazioni inviate tramite la compilazione del modulo elettronico disponibile on-line saranno conservati in un´apposita Banca Dati gestita dal Titolare del trattamento Studio Legale Avvocati Rando Gurrieri Di Martino & Partners. La eventuale stampa dei CV comporterà anche un trattamento di tipo manuale delle informazioni in essi contenute.c) i dati saranno comunicati solo agli Avvocati o ad altri professionisti dello Studio Legale Avvocati Rando Gurrieri Di Martino & Partners ai fini della gestione delle procedure selettive in essere presso lo Studio Legale Avvocati Rando Gurrieri Di Martino & Partners. I Suoi dati non saranno oggetto di diffusione. Ai sensi dell´articolo 13, comma 1, lettera d) La informiamo inoltre circa i soggetti o le categorie di soggetti ai quali i Suoi dati personali potranno essere comunicati o che potranno venirne a conoscenza in qualità di Incaricati del trattamento: Avvocati, personale di segreteria, addetti dell´Amministrazione, tecnici informatici che gestiscono la rete interna dello Studio Legale Avvocati Rando Gurrieri Di Martino & Partners. La informiamo che il conferimento dei dati è facoltativo, ma il loro eventuale mancato conferimento ci renderebbe impossibile dar corso alle procedure di valutazione dei profili professionali ed alle conseguenti attività di selezione del personale. Gli estremi identificativi del Titolare per il trattamento dei dati da Lei forniti sono i seguenti: Avvocato Pietro Gurrieri - Studio Legale Avvocati Rando Gurrieri Di Martino & Partners - Via Falloppia n. 53 Modena, e.mail segreteria@avvocatirandogurrieri.it. I dati saranno conservati presso la sede del Titolare, per i tempi definiti dalla normativa di riferimento. In ogni caso, conserveremo i Suoi dati personali in rapporto alle esigenze di potenziamento della rete di collaborazioni dello Studio Legale Avvocati Rando Gurrieri Di Martino & Partners. Periodicamente, procederemo alla cancellazione dalla Banca Dati di CV per i quali non è più attuale la loro conservazione, anche in base alle Sue segnalazioni che potranno essere inviate senza alcuna formalità alla e-mail prima indicata. La informiamo altresì che tali dati saranno raccolti, trattati e custoditi nel pieno rispetto di quanto previsto dagli articoli 31 e seguenti del Codice della Privacy e dal Disciplinare Tecnico Allegato B al Codice in materia di misure minime di sicurezza. Con riferimento al trattamento di dati sensibili, cioè a quelle informazioni atte a rivelare l´origine razziale ed etnica, le convinzioni religiose, filosofiche o di altro genere, le opinioni politiche, l´adesione a partiti, sindacati, associazioni od organizzazioni a carattere religioso, filosofico, politico o sindacale, nonché i dati personali idonei a rivelare lo stato di salute e la vita sessuale, La informiamo che, ove non necessari, è preferibile evitare l´inserimento nel CV o nel modulo elettronico di tali dati personali. Nel caso sia necessario indicare tali informazioni è necessario esprimere, oltre al consenso generale sul trattamento dei dati personali comuni, anche uno specifico consenso al trattamento dei dati sensibili indicati nel CV o nel modulo elettronico selezionando l´apposita casella della formula di consenso riportata dopo l´Informativa, prima dell´invio delle informazioni. In assenza di consenso al trattamento dei dati sensibili, in base a quanto previsto dalla normativa a tutela dei dati personali, il Titolare del trattamento procederà a cancellare le relative informazioni. Le medesime finalità e modalità del trattamento sopra illustrate saranno applicate anche alle Sue informazioni di natura sensibile, ove indicate, nel pieno rispetto di tutte le norme del Codice della Privacy applicabili a trattamenti di particolare delicatezza. I dati personali saranno altresì trattati nel pieno rispetto delle norme di autoregolamentazione in materia di trattamento dei dati personali contenute nei Codici Deontologici di settore in vigore eventualmente applicabili. Con riferimento all´utilizzo sul portale di tecnologie e/o tecniche per accedere a informazioni archiviate nell´apparecchio terminale di un abbonato o di un utente, per archiviare informazioni o per monitorare le operazioni dell´utente, La informiamo che tale utilizzo avverrà unicamente per scopi legittimi relativi alla memorizzazione tecnica dei dati per il tempo strettamente necessario alla trasmissione della comunicazione o alla fornitura delle risposte da Lei richieste. Le ricordiamo altresì che anche nel caso di operatività di tali sistemi di tracciatura/marcatura della navigazione web, l´utente ha sempre la possibilità di disattivarne il funzionamento modificando le impostazioni del suo browser, ed in ogni caso può opporsi a tale tipo di trattamento comunicandolo al Titolare. Al Titolare del trattamento Lei potrà rivolgersi in qualsiasi momento, senza obblighi formali (via e-mail telefono o fax) oppure utilizzando l´apposito modello predisposto dall´Autorità Garante per la protezione dei dati personali per far valere i Suoi diritti così come previsti dall´articolo 7 del Codice. Con riferimento all´esercizio dei Suoi diritti, La informiamo che le procedure relative all´invio del curriculum tramite la sezione dedicata del nostro portale web prevedono sempre la possibilità di gestione autonoma delle informazioni professionali inviate in precedenza. Ad esempio, Lei avrà sempre la possibilità di accedere a tali informazioni per integrarle, aggiornarle o cancellarle in piena autonomia. 
torna indietro leggi Informativa Privacy  obbligatorio