21 Maggio 2018
[]

[]

"Avvocati Stabiliti" in 3 mesi e "Ordinari" in 3 anni: "Così dei colleghi fanno affari sulla nostra pelle, nel silenzio dei Coa"

13-05-2018 07:48 - Avvocatura, Ordini e Professioni
La lettera, accorata, che Mara ci ha inviato è una di quelle che fanno pensare, e poi indignare.
Lei è un giovanissimo avvocato, che ha prestato giuramento nel 2016 dopo il superamento dell´esame di abilitazione professionale. Un esame, come noto, difficile ed impegnativo, che segue il periodo della pratica che, come tutti sanno, costituisce una formidabile scuola ma anche uno dei periodi in cui quasi ogni risorsa di mente e di cuore è concentrata sulla comprensione dell´essere e del fare l´avvocato. Più dell´essere che del fare.

Per Mara arriva finalmente il grande giorno, sostiene l´esame, lo supera e diventa Avvocato. Uno dei 250mila, certo, ma questo vale poco quando perché quel traguardo se lo è conquistato con determinazione e sacrificio. Comunque, quando si hanno ancora 30 anni, è naturale guardare in avanti. Guai se non fosse così.

Un giorno, però, Mara, navigando su Facebook, si accorge di una pagina, come si dice, sponsorizzata. Una pagina a pagamento. In cui si propone un affare: 6000 euro per diventare avvocati! Subito, con una scorciatoia che, per come è presentata, appare formidabile. Rispetto alle insidie di un esame rigorosissimo, quello di abilitazione forense, nel quale le chances di superamento, a giudicare dalle statistiche degli ultimi anni, non superano il 40%, il meccanismo proposto è di una semplicità disarmante. Garantisce a chi intende aderire e firmare il contratto di diventare avvocati stabiliti in soli tre mesi, e, al termine di un complesso giro tra Bucarest e Madrid, avvocati ordinari in appena tre anni. Bastano, appunto, 6000 euro. Per le spese, diciamo, amministrative. Per i costi della ditta. Una ditta, in fin dei conti, dalle credenziali solide, in quanto condotta da avvocati. Di lungo corso e che ai propri corsi fanno anche pubblicità, al punto da propagandarli Urbi et Orbi in pagine sponsorizzate.

Mara fa 3 salti sulla propria sedia e si pone delle domande. È ammissibile tutto questo? legittimo il silenzio del Consiglio Nazionale Forense e dei Coa? è possibile che ci siano dei Colleghi
che, con la complicità o quantomeno il silenzio degli istituzionali, propongano ai giovani scorciatoie rispetto all´accesso alla professione più bella del mondo che, in questo modo, rischia di essere uno scandalo a cielo aperto? Ma comunque, farsi pubblicità in questo modo acquistando pagine sponsorizzate non contrasta con le norme del codice di deontologia?

Quindi, decide di scriverci una lettera che pubblichiamo integralmente e che invitiamo quanti la condividono ad inviare ai propri Coa o direttamente al Presidente del Consiglio Nazionale forense. Con una richiesta precisa, fidanzi con una alternativa secca: abolite l´esame di Stato oppure ponete un freno a queste pratiche. Che se anche non fossero illegali, e non ne siamo certi, sarebbero comunque del tutto immorali. ed Ecco ora la lettera di Mara:

"Gentile Direttore,
taluni Avvocati ricordano con nostalgia il periodo in cui hanno frequentato il corso di preparazione all´esame di avvocato, ad esempio presso la Scuola Forense istituita dal COA di appartenenza.

Molti Avvocati dicono fosse piacevole studiare, confrontarsi con i colleghi, redigere atti e pareri. Raccontano dell´impegno, dei sogni e delle speranze di quel particolare periodo.
Tutto questo, però, sembra essere in via d´estinzione.
Ed invero, pare bastino circa 6.000 euro per diventare avvocato stabilito in soli 3 mesi (per, poi, diventare Avvocato ordinario dopo appena tre anni). È sufficiente navigare su Internet per rendersene conto.

Sempre più spesso ci si imbatte in pagine sponsorizzate che pubblicizzano questo sistema, anche su Facebook. Addirittura pare che siano proprio degli avvocati ad "aiutare" in questo percorso.
Il sistema dovrebbe essere il seguente: si diventa "Avocat" presso la struttura rumena c.d. "Bota", struttura mai riconosciuta dal Ministero della Giustizia rumeno, titolo professionale sulla cui validità il CNF si è sempre espresso in senso negativo.
Successivamente, ci si iscrive presso un Colegio de Abogados spagnolo e si diventa avvocato stabilito in Spagna.
Infine, si chiede l´iscrizione presso la Sezione Stabiliti di un COA nostrano, omettendo però di dichiarare di essere già avvocati stabiliti in Spagna e che il titolo professionale originario è invero quello di "Avocat", conseguito presso la predetta struttura "Bota".
Sono tantissimi i colleghi che seguono questa strada. Molti di loro li si conosce personalmente.
Di fatto, dunque, non esiste più un controllo per l´accesso alla professione. Controllo che, a torto o a ragione, veniva comunque garantito dall´esame di Stato (in Italia o in altro paese dell´UE). Adesso basta solamente avere del denaro a disposizione.
Legittima la domanda in ordine alla regolarità di questo sistema.
È corretto che un Avvocato pubblicizzi questo percorso? Ed ancora, è un sistema legittimo?
Sarebbe opportuno fare chiarezza, con buona pace di tutti ed anche nell´interesse dei soggetti coinvolti. Ma, sfortunatamente, ancora nessun parere, nessuna circolare del CNF, nessun provvedimento da parte dei singoli COA interessati.
In particolare, ci si chiede, appunto, come mai il CNF non abbia ancora emesso un parere o una circolare sulla questione. Ed ancora, come mai i COA che hanno iscritto, secondo queste modalità, non provvedano a revisionare le dette iscrizioni.
Nella speranza che finalmente arrivino delle risposte".


[Realizzazione siti web www.sitoper.it]
close
Richiedi il prodotto
Inserisci il tuo indirizzo email per essere avvisato quando il prodotto tornerà disponibile.



Richiesta disponibilità inviata
Richiesta disponibilità non inviata
invia ad un amico
chiudi
Attenzione!
Non puoi effettuare più di 10 invii al giorno.
Informativa Privacy
Informativa ex art. 13 del Codice della Privacy (Decreto Legislativo 30 Giugno 2003, n. 196 recante Testo Unico delle norme in materia di tutela delle persone e di altri soggetti rispetto al trattamento dei dati personali) Gentile Signore/a, desideriamo informarLa, ai sensi dell´articolo 13 del Decreto Legislativo 30 Giugno 2003, n. 196 recante Testo Unico delle disposizioni legislative in materia di tutela delle persone e di altri soggetti rispetto al trattamento dei dati personali (di seguito "Codice"), che le informazioni ed i dati da Lei forniti nella compilazione del modulo elettronico per la segnalazione delle proposte di collaborazione con lo Studio Legale Avvocati Rando Gurrieri Di Martino & Partners, e tramite la trasmissione on-line di un curriculum secondo le procedure previste nella presente sezione del portale saranno oggetto di trattamento nel rispetto delle disposizioni sopra menzionate e degli obblighi di riservatezza che ispirano l´attività dello Studio Legale Avvocati Rando Gurrieri Di Martino & Partners. Per trattamento di dati personali intendiamo qualunque operazione o complesso di operazioni, effettuati anche senza l´ausilio di strumenti elettronici, concernenti la raccolta, la registrazione, l´organizzazione, la conservazione, la consultazione, l´elaborazione, la modificazione, la selezione, l´estrazione, il raffronto, l´utilizzo, l´interconnessione, il blocco, la comunicazione, la diffusione, la cancellazione e la distruzione di dati, anche se non registrati in una banca di dati. Ai sensi dell´articolo 13 del Codice, Le forniamo quindi le seguenti informazioni. Il trattamento che intendiamo effettuare:a) ha le seguenti finalità: ricevere le richieste di collaborazione professionale con lo Studio Legale Avvocati Rando Gurrieri Di Martino & Partners inviate da Avvocati ed altri liberi professionisti, valutare i profili e le possibili collaborazioni potenzialmente attivabili e gestire tutte le fasi connesse (comunicazioni con gli interessati, colloqui).b) sarà effettuato con l´ausilio di strumenti elettronici. In particolare, i CV ricevuti e/o le informazioni inviate tramite la compilazione del modulo elettronico disponibile on-line saranno conservati in un´apposita Banca Dati gestita dal Titolare del trattamento Studio Legale Avvocati Rando Gurrieri Di Martino & Partners. La eventuale stampa dei CV comporterà anche un trattamento di tipo manuale delle informazioni in essi contenute.c) i dati saranno comunicati solo agli Avvocati o ad altri professionisti dello Studio Legale Avvocati Rando Gurrieri Di Martino & Partners ai fini della gestione delle procedure selettive in essere presso lo Studio Legale Avvocati Rando Gurrieri Di Martino & Partners. I Suoi dati non saranno oggetto di diffusione. Ai sensi dell´articolo 13, comma 1, lettera d) La informiamo inoltre circa i soggetti o le categorie di soggetti ai quali i Suoi dati personali potranno essere comunicati o che potranno venirne a conoscenza in qualità di Incaricati del trattamento: Avvocati, personale di segreteria, addetti dell´Amministrazione, tecnici informatici che gestiscono la rete interna dello Studio Legale Avvocati Rando Gurrieri Di Martino & Partners. La informiamo che il conferimento dei dati è facoltativo, ma il loro eventuale mancato conferimento ci renderebbe impossibile dar corso alle procedure di valutazione dei profili professionali ed alle conseguenti attività di selezione del personale. Gli estremi identificativi del Titolare per il trattamento dei dati da Lei forniti sono i seguenti: Avvocato Pietro Gurrieri - Studio Legale Avvocati Rando Gurrieri Di Martino & Partners - Via Falloppia n. 53 Modena, e.mail segreteria@avvocatirandogurrieri.it. I dati saranno conservati presso la sede del Titolare, per i tempi definiti dalla normativa di riferimento. In ogni caso, conserveremo i Suoi dati personali in rapporto alle esigenze di potenziamento della rete di collaborazioni dello Studio Legale Avvocati Rando Gurrieri Di Martino & Partners. Periodicamente, procederemo alla cancellazione dalla Banca Dati di CV per i quali non è più attuale la loro conservazione, anche in base alle Sue segnalazioni che potranno essere inviate senza alcuna formalità alla e-mail prima indicata. La informiamo altresì che tali dati saranno raccolti, trattati e custoditi nel pieno rispetto di quanto previsto dagli articoli 31 e seguenti del Codice della Privacy e dal Disciplinare Tecnico Allegato B al Codice in materia di misure minime di sicurezza. Con riferimento al trattamento di dati sensibili, cioè a quelle informazioni atte a rivelare l´origine razziale ed etnica, le convinzioni religiose, filosofiche o di altro genere, le opinioni politiche, l´adesione a partiti, sindacati, associazioni od organizzazioni a carattere religioso, filosofico, politico o sindacale, nonché i dati personali idonei a rivelare lo stato di salute e la vita sessuale, La informiamo che, ove non necessari, è preferibile evitare l´inserimento nel CV o nel modulo elettronico di tali dati personali. Nel caso sia necessario indicare tali informazioni è necessario esprimere, oltre al consenso generale sul trattamento dei dati personali comuni, anche uno specifico consenso al trattamento dei dati sensibili indicati nel CV o nel modulo elettronico selezionando l´apposita casella della formula di consenso riportata dopo l´Informativa, prima dell´invio delle informazioni. In assenza di consenso al trattamento dei dati sensibili, in base a quanto previsto dalla normativa a tutela dei dati personali, il Titolare del trattamento procederà a cancellare le relative informazioni. Le medesime finalità e modalità del trattamento sopra illustrate saranno applicate anche alle Sue informazioni di natura sensibile, ove indicate, nel pieno rispetto di tutte le norme del Codice della Privacy applicabili a trattamenti di particolare delicatezza. I dati personali saranno altresì trattati nel pieno rispetto delle norme di autoregolamentazione in materia di trattamento dei dati personali contenute nei Codici Deontologici di settore in vigore eventualmente applicabili. Con riferimento all´utilizzo sul portale di tecnologie e/o tecniche per accedere a informazioni archiviate nell´apparecchio terminale di un abbonato o di un utente, per archiviare informazioni o per monitorare le operazioni dell´utente, La informiamo che tale utilizzo avverrà unicamente per scopi legittimi relativi alla memorizzazione tecnica dei dati per il tempo strettamente necessario alla trasmissione della comunicazione o alla fornitura delle risposte da Lei richieste. Le ricordiamo altresì che anche nel caso di operatività di tali sistemi di tracciatura/marcatura della navigazione web, l´utente ha sempre la possibilità di disattivarne il funzionamento modificando le impostazioni del suo browser, ed in ogni caso può opporsi a tale tipo di trattamento comunicandolo al Titolare. Al Titolare del trattamento Lei potrà rivolgersi in qualsiasi momento, senza obblighi formali (via e-mail telefono o fax) oppure utilizzando l´apposito modello predisposto dall´Autorità Garante per la protezione dei dati personali per far valere i Suoi diritti così come previsti dall´articolo 7 del Codice. Con riferimento all´esercizio dei Suoi diritti, La informiamo che le procedure relative all´invio del curriculum tramite la sezione dedicata del nostro portale web prevedono sempre la possibilità di gestione autonoma delle informazioni professionali inviate in precedenza. Ad esempio, Lei avrà sempre la possibilità di accedere a tali informazioni per integrarle, aggiornarle o cancellarle in piena autonomia. 
torna indietro leggi Informativa Privacy  obbligatorio