21 Aprile 2018
[]

[]

Bulli e griffati, tra i banchi della scuola pubblica si consuma la discriminazione e muore la Costituzione

15-04-2018 15:34 - Fatti di cronaca italiana ed estera
"Non hai scarpe e vestiti firmati, sei un poveraccio". Sembra fantasia ma è la realtà. Triste, cruda. Una umiliazione a tutti gli effetti, quella subita da un ragazzino di appena 12 anni, che non poteva permettersi al pari di molti altri suoi coetanei, di sfoggiare nella propria scuola abiti firmati, scarpe da 200 euro, accessori in linea con le più sfrenate tendenze della "meglio gioventù" italiana. Quella che può permettersi determinate spese senza alcun problema. Quella che può farlo perchè ha la fortuna di crescere all´interno di nuclei familiari nei quali i genitori magari non seguono i figli, magari considerano una perdita di tempo o poco più insegnare loro l´educazione o le regole del vivere civile ma che possono spendere. Perché hanno i portafogli pieni. insomma, parliamo della generazione dei cosiddetti figli di papà. Che spesso si trasformano in bulli.

Siamo partiti da un fatto di cronaca, uno dei tantissimi, forse migliaia l´anno, che poco più di un anno fa è stato ripreso dalla grande stampa perché qualcuno, semplicemente, ha fatto trapelare la notizia. Che invece, di regola, non passa. Non passa, innanzitutto, perché sono le famiglie a stendere un velo di silenzio sul fatto che tuo figlio non può vestire come gli altri per la semplice ragione che tu non puoi permettertelo come gli altri. Ma non passa, anche e forse soprattutto, per la responsabilità e la profonda dignità, dei bambini e dei ragazzi in difficoltà economica. Essi sono non di rado i primi a dimostrarsi più maturi di tanti adulti. Capiscono bene le difficoltà dei genitori e, lungi dal pretendere, sopportano. Non protestano e spesso neppure parlano a casa dei bulli che, all´età di 12 anni, vestono alla moda e sfottono anche in maniera dura chi alla moda non veste perché non può vestire. Che li sfottono quando sono da soli e quando sono in dolce compagnia, con le coetanee i coetanei. Perché, per questa becera cultura del possedere e non dell´essere, stare con uno sfigato/a non è un buon affare anche per il partner. Meglio lasciarlo per uno figo/a.



Così la scuola pubblica, quella di tutti, quella che nei progetti dei padri costituenti avrebbe dovuto, in linea con l´articolo 3 della Costituzione, abbattere le barriere sociali e di censo e rimuovere tutte le disuguaglianze di una società, appunto, diseguale, lungi dall´essere il terreno della parità, ha educato ed educa alla differenza e alla discriminazione. Sì, perché in Italia, salvo rare eccezioni, il modello non è quello a cui si ispirano altri paesi, a partire dalla Spagna. Nei quali, al contrario, la regola è la divisa. Uguale per tutti. Obbligatoria. Perché nessuno possa andare a scuola griffato ed altri siano costretti a farlo con i vestiti molto ordinari di una famiglia umile o semplicemente senza grandi risorse economiche. La scuola è di tutti, e i ragazzi devono essere educati alla parità. Altrimenti, cresceranno dei mostri. All´estero lo hanno capito, in Italia no.

Mentre i ministri, anche quando sono sindacalisti e di sinistra, tacciono, nicchiano, e dimostrano totale indifferenza al problema, è dai territori che si levano delle voci di dissenso. Un articolo su un periodico online sardo, Cubbedduonline, di pochi giorni fa ha pubblicato una lettera bellissima, significativa. Se si facesse una petizione, nascerebbe una rivoluzione. L´autore dell´articolo, Paolo Rapeanu, ha scritto: "I bambini di Cagliari molti non utilizzano divisa o grembiule per la scuola, ma abiti normali. O quasi. Trionfano capi molto costosi". Cagliari, dunque, Italia e se qualcuno pensa ancora che il paese viaggi a due velocità, queste considerazioni sono lì per smentirlo. Le cattive abitudini, come l´incultura e l´ignoranza, regnano dovunque, dalla Sardegna alla Lombardia passando per la Toscana. E si potrebbe continuare.

Ma, appunto, è dai territori che nasce il dissenso, come denunciato da un papà titolare di un market a Castello, Alessio Belfiori: "A Cagliari bimbi di 10 anni a scuola con vestiti da 1500 euro: torniamo alle divise". Il dibattito sulla questione cresce, e porta molti lettori a pronunciarsi, ed è lo stesso autore dell´articolo a darne atto: "La questione porta anche Silvia Nieddu a dire la sua: cinquantotto anni, è casalinga e vive a Quartu e ha tre figlie. Una di loro, 23 anni, vive da tempo a Valencia, in Spagna: "Mia figlia vive a Valencia e tutti, dico tutti i ragazzi, dalla scuola materna e fino alle superiori, hanno la divisa. Cambia solo il colore a seconda della scuola. Troppo belli. Anche in Venezuela. Mio genero ha confermato. È una questione di decoro, buongusto. Non una sfilata di moda o una gara tra chi è più firmato".

Il dibattito è quindi aperto. La nostra domanda: non c´è qualche ministro che invece di proporre riforme di cattiva scuola, ne può fare una, elementare, per ripristinare le divise nella scuola dell´obbligo? Saremmo in molti a dirgli grazie.
Avv. Piero Gurrieri

[Realizzazione siti web www.sitoper.it]
close
Richiedi il prodotto
Inserisci il tuo indirizzo email per essere avvisato quando il prodotto tornerà disponibile.



Richiesta disponibilità inviata
Richiesta disponibilità non inviata
invia ad un amico
chiudi
Attenzione!
Non puoi effettuare più di 10 invii al giorno.

Informativa Privacy
Informativa ex art. 13 del Codice della Privacy (Decreto Legislativo 30 Giugno 2003, n. 196 recante Testo Unico delle norme in materia di tutela delle persone e di altri soggetti rispetto al trattamento dei dati personali) Gentile Signore/a, desideriamo informarLa, ai sensi dell´articolo 13 del Decreto Legislativo 30 Giugno 2003, n. 196 recante Testo Unico delle disposizioni legislative in materia di tutela delle persone e di altri soggetti rispetto al trattamento dei dati personali (di seguito "Codice"), che le informazioni ed i dati da Lei forniti nella compilazione del modulo elettronico per la segnalazione delle proposte di collaborazione con lo Studio Legale Avvocati Rando Gurrieri Di Martino & Partners, e tramite la trasmissione on-line di un curriculum secondo le procedure previste nella presente sezione del portale saranno oggetto di trattamento nel rispetto delle disposizioni sopra menzionate e degli obblighi di riservatezza che ispirano l´attività dello Studio Legale Avvocati Rando Gurrieri Di Martino & Partners. Per trattamento di dati personali intendiamo qualunque operazione o complesso di operazioni, effettuati anche senza l´ausilio di strumenti elettronici, concernenti la raccolta, la registrazione, l´organizzazione, la conservazione, la consultazione, l´elaborazione, la modificazione, la selezione, l´estrazione, il raffronto, l´utilizzo, l´interconnessione, il blocco, la comunicazione, la diffusione, la cancellazione e la distruzione di dati, anche se non registrati in una banca di dati. Ai sensi dell´articolo 13 del Codice, Le forniamo quindi le seguenti informazioni. Il trattamento che intendiamo effettuare:a) ha le seguenti finalità: ricevere le richieste di collaborazione professionale con lo Studio Legale Avvocati Rando Gurrieri Di Martino & Partners inviate da Avvocati ed altri liberi professionisti, valutare i profili e le possibili collaborazioni potenzialmente attivabili e gestire tutte le fasi connesse (comunicazioni con gli interessati, colloqui).b) sarà effettuato con l´ausilio di strumenti elettronici. In particolare, i CV ricevuti e/o le informazioni inviate tramite la compilazione del modulo elettronico disponibile on-line saranno conservati in un´apposita Banca Dati gestita dal Titolare del trattamento Studio Legale Avvocati Rando Gurrieri Di Martino & Partners. La eventuale stampa dei CV comporterà anche un trattamento di tipo manuale delle informazioni in essi contenute.c) i dati saranno comunicati solo agli Avvocati o ad altri professionisti dello Studio Legale Avvocati Rando Gurrieri Di Martino & Partners ai fini della gestione delle procedure selettive in essere presso lo Studio Legale Avvocati Rando Gurrieri Di Martino & Partners. I Suoi dati non saranno oggetto di diffusione. Ai sensi dell´articolo 13, comma 1, lettera d) La informiamo inoltre circa i soggetti o le categorie di soggetti ai quali i Suoi dati personali potranno essere comunicati o che potranno venirne a conoscenza in qualità di Incaricati del trattamento: Avvocati, personale di segreteria, addetti dell´Amministrazione, tecnici informatici che gestiscono la rete interna dello Studio Legale Avvocati Rando Gurrieri Di Martino & Partners. La informiamo che il conferimento dei dati è facoltativo, ma il loro eventuale mancato conferimento ci renderebbe impossibile dar corso alle procedure di valutazione dei profili professionali ed alle conseguenti attività di selezione del personale. Gli estremi identificativi del Titolare per il trattamento dei dati da Lei forniti sono i seguenti: Avvocato Pietro Gurrieri - Studio Legale Avvocati Rando Gurrieri Di Martino & Partners - Via Falloppia n. 53 Modena, e.mail segreteria@avvocatirandogurrieri.it. I dati saranno conservati presso la sede del Titolare, per i tempi definiti dalla normativa di riferimento. In ogni caso, conserveremo i Suoi dati personali in rapporto alle esigenze di potenziamento della rete di collaborazioni dello Studio Legale Avvocati Rando Gurrieri Di Martino & Partners. Periodicamente, procederemo alla cancellazione dalla Banca Dati di CV per i quali non è più attuale la loro conservazione, anche in base alle Sue segnalazioni che potranno essere inviate senza alcuna formalità alla e-mail prima indicata. La informiamo altresì che tali dati saranno raccolti, trattati e custoditi nel pieno rispetto di quanto previsto dagli articoli 31 e seguenti del Codice della Privacy e dal Disciplinare Tecnico Allegato B al Codice in materia di misure minime di sicurezza. Con riferimento al trattamento di dati sensibili, cioè a quelle informazioni atte a rivelare l´origine razziale ed etnica, le convinzioni religiose, filosofiche o di altro genere, le opinioni politiche, l´adesione a partiti, sindacati, associazioni od organizzazioni a carattere religioso, filosofico, politico o sindacale, nonché i dati personali idonei a rivelare lo stato di salute e la vita sessuale, La informiamo che, ove non necessari, è preferibile evitare l´inserimento nel CV o nel modulo elettronico di tali dati personali. Nel caso sia necessario indicare tali informazioni è necessario esprimere, oltre al consenso generale sul trattamento dei dati personali comuni, anche uno specifico consenso al trattamento dei dati sensibili indicati nel CV o nel modulo elettronico selezionando l´apposita casella della formula di consenso riportata dopo l´Informativa, prima dell´invio delle informazioni. In assenza di consenso al trattamento dei dati sensibili, in base a quanto previsto dalla normativa a tutela dei dati personali, il Titolare del trattamento procederà a cancellare le relative informazioni. Le medesime finalità e modalità del trattamento sopra illustrate saranno applicate anche alle Sue informazioni di natura sensibile, ove indicate, nel pieno rispetto di tutte le norme del Codice della Privacy applicabili a trattamenti di particolare delicatezza. I dati personali saranno altresì trattati nel pieno rispetto delle norme di autoregolamentazione in materia di trattamento dei dati personali contenute nei Codici Deontologici di settore in vigore eventualmente applicabili. Con riferimento all´utilizzo sul portale di tecnologie e/o tecniche per accedere a informazioni archiviate nell´apparecchio terminale di un abbonato o di un utente, per archiviare informazioni o per monitorare le operazioni dell´utente, La informiamo che tale utilizzo avverrà unicamente per scopi legittimi relativi alla memorizzazione tecnica dei dati per il tempo strettamente necessario alla trasmissione della comunicazione o alla fornitura delle risposte da Lei richieste. Le ricordiamo altresì che anche nel caso di operatività di tali sistemi di tracciatura/marcatura della navigazione web, l´utente ha sempre la possibilità di disattivarne il funzionamento modificando le impostazioni del suo browser, ed in ogni caso può opporsi a tale tipo di trattamento comunicandolo al Titolare. Al Titolare del trattamento Lei potrà rivolgersi in qualsiasi momento, senza obblighi formali (via e-mail telefono o fax) oppure utilizzando l´apposito modello predisposto dall´Autorità Garante per la protezione dei dati personali per far valere i Suoi diritti così come previsti dall´articolo 7 del Codice. Con riferimento all´esercizio dei Suoi diritti, La informiamo che le procedure relative all´invio del curriculum tramite la sezione dedicata del nostro portale web prevedono sempre la possibilità di gestione autonoma delle informazioni professionali inviate in precedenza. Ad esempio, Lei avrà sempre la possibilità di accedere a tali informazioni per integrarle, aggiornarle o cancellarle in piena autonomia. 
torna indietro leggi Informativa Privacy  obbligatorio