21 Aprile 2018
[]

[]

Farsi male in palestra o in un impianto sportivo, Cassazione indica chi ne risponde

10-03-2018 06:56 - Cassazione Sezioni Penali
Chi è il responsabile sotto il profilo penale dei danni occorsi ad un soggetto che, nella qualità più variegata - atleta, studente, occasionale frequentatore - abbia usufruito di un impianto sportivo o di una palestra e che, a causa di un´insidia presente nel medesimo impianto o nel terreno di gioco, abbia riportato lesioni più o meno gravi? il responsabile è il gestore dell´impianto, oppure colui al quale l´impianto o la palestra sia stata concessa in affitto o in comodato, magari proprio allo scopo di mettere su quella competizione, oppure ancora il docente di educazione fisica, l´arbitro o il direttore di gara che, cosciente delle condizioni improvvide della struttura, abbia autorizzato lo svolgimento della competizione sportiva o, comunque, il suo utilizzo?



Interrogativi estremamente importanti ed anche di soluzione complessa che proprio alcuni giorni fa sono stati al centro di una importante sentenza della Suprema Corte di Cassazione.

I giudici della Quarta Sezione Penale della Corte di Cassazione con la sentenza n. 9160 del 28 febbraio 2018 hanno stabilito che il responsabile di una società sportiva che gestisce un impianto sportivo è titolare di una posizione di garanzia ai sensi dell´art. 40 secondo comma c.p. e quindi è tenuto a garantire ex art. 2051 c.c. l´incolumità fisica degli utenti.
I Fatti
Era accaduto che il Tribunale di Genova, in funzione di giudice dell´appello, aveva confermato la sentenza di condanna, riforrmandola solo nella quantificazione della pena, emessa dal Giudice di Pace di Genova con la quale era stato condannato il sig. X ritenuto responsabile del reato di lesioni colpose ex art. 590 c.p. riportate dal sig. Y, a seguito di un incidente occorsogli durante una competizione sportiva.
L´imputato era stato ritenuto responsabile perché, nella sua qualità di presidente dell´associazione sportiva che aveva in gestione l´impianto, non aveva adeguatamente ripristinato il manto erboso del capo sportivo, sul quale esisteva un avvallamento celato da una pozzanghera d´acqua, sul quale scivolava la parte offesa riportando diverse lesioni. Con la sentenza di appello si era affermata la responsabilità del gestore dell´impianto e veniva esclusa quella dell´arbitro che aveva consentito lo svolgimento della partita.



Avverso la sentenza del Tribunale di Genova proponeva ricorso per cassazione l´imputato, il quale a mezzo del suo difensore di fiducia, denunciava la violazione di legge con riguardo all´inapplicabilità alla fattispecie sia dell´art. dell´art. 2050 c.c. e, che dell´art. 2051 c.c in quanto non si sarebbe trattato di attività pericolosa e lo stesso non doveva essere considerato responsabile perché l´impianto era stato dato in affitto a terzi soggetti, per cui lo stesso non poteva essere individuato come "custode dell´impianto".

Infine il ricorrente lamentava la violazione delle norme interne federali in base alle quali era compito dell´arbitro, visto il verificarsi del fattore pioggia, disporre che non si giocasse la partita a causa dell´impraticabilità del campo.



Ragioni della decisione
I giudici di legittimità hanno i
ritenuto infondato il ricorso e pertanto lo hanno rigettato.
I giudici della Quarta Sezione hanno innanzitutto fatto rilevare che l´obbligo di protezione che è proiezione della posizione di garanzia riguarda non solo le attività pericolose, ma anche i pericoli atipici, cioè quelli che - benchè prevedibili - siano tuttavia diversi da quelli connaturati alla pericolosità insita nell´attività sportiva in corso di svolgimento (cfr. Sez. 4, Sentenza n. 39619 del 11/07/2007, Bosticco; Sez. 4, Sentenza n. 26239 del 19/03/2013, Gharby ).
Alla luce della giurisprudenza di legittimità che oramai ha raggiunto un consolidato orientamento in tema di lesioni colpose patite da un calciatore, si è affermato che il gestore di un centro sportivo è titolare di una posizione di garanzia, che gli impone di adottare le necessarie cautele per preservare l´incolumità fisica degli utilizzatori, provvedendo alla manutenzione delle infrastrutture e delle attrezzature (Sez. 4, Sentenza n. 18798 del 20/09/2011, Restelli, Rv. 253918).



Nessun rilievo giuridico può essere dato - hanno aggiunto i giudici di legittimità - alle argomentazioni proposte dalla difesa del ricorrente secondo cui per la disputa del torneo l´impianto era stato concesso in affitto ad un terzo soggetto. I giudici di legittimità infatti sul punto dichiarano che comunque ciò non esclude a carico del proprietario o del gestore dell´impianto la posizione di garanzia.

Infine - hanno concluso gli Ermellini del Palazzaccio - nessun credito perché assolutamente inconferente, può essere dato al quarto motivo proposto che vorrebbe spostare la responsabilità dell´accaduto sull´arbitro che in attuazione delle norme interne del Regolamento Federale avrebbe dovuto sospendere la partita per impraticabilità del campo. E´ stato spiegato dai giudici di legittimità che il compito dell´arbitro in esecuzione del Regolamento non tanto quello di evitare condizioni in cui i calciatori possano riportare lesioni, quanto quello di verificare se la competizione può essere disputata regolarmente.
Per tali motivi il ricorso è stato rigettato
Si allega sentenza

Documenti allegati
Dimensione: 30,25 KB

[Realizzazione siti web www.sitoper.it]
close
Richiedi il prodotto
Inserisci il tuo indirizzo email per essere avvisato quando il prodotto tornerà disponibile.



Richiesta disponibilità inviata
Richiesta disponibilità non inviata
invia ad un amico
chiudi
Attenzione!
Non puoi effettuare più di 10 invii al giorno.

Informativa Privacy
Informativa ex art. 13 del Codice della Privacy (Decreto Legislativo 30 Giugno 2003, n. 196 recante Testo Unico delle norme in materia di tutela delle persone e di altri soggetti rispetto al trattamento dei dati personali) Gentile Signore/a, desideriamo informarLa, ai sensi dell´articolo 13 del Decreto Legislativo 30 Giugno 2003, n. 196 recante Testo Unico delle disposizioni legislative in materia di tutela delle persone e di altri soggetti rispetto al trattamento dei dati personali (di seguito "Codice"), che le informazioni ed i dati da Lei forniti nella compilazione del modulo elettronico per la segnalazione delle proposte di collaborazione con lo Studio Legale Avvocati Rando Gurrieri Di Martino & Partners, e tramite la trasmissione on-line di un curriculum secondo le procedure previste nella presente sezione del portale saranno oggetto di trattamento nel rispetto delle disposizioni sopra menzionate e degli obblighi di riservatezza che ispirano l´attività dello Studio Legale Avvocati Rando Gurrieri Di Martino & Partners. Per trattamento di dati personali intendiamo qualunque operazione o complesso di operazioni, effettuati anche senza l´ausilio di strumenti elettronici, concernenti la raccolta, la registrazione, l´organizzazione, la conservazione, la consultazione, l´elaborazione, la modificazione, la selezione, l´estrazione, il raffronto, l´utilizzo, l´interconnessione, il blocco, la comunicazione, la diffusione, la cancellazione e la distruzione di dati, anche se non registrati in una banca di dati. Ai sensi dell´articolo 13 del Codice, Le forniamo quindi le seguenti informazioni. Il trattamento che intendiamo effettuare:a) ha le seguenti finalità: ricevere le richieste di collaborazione professionale con lo Studio Legale Avvocati Rando Gurrieri Di Martino & Partners inviate da Avvocati ed altri liberi professionisti, valutare i profili e le possibili collaborazioni potenzialmente attivabili e gestire tutte le fasi connesse (comunicazioni con gli interessati, colloqui).b) sarà effettuato con l´ausilio di strumenti elettronici. In particolare, i CV ricevuti e/o le informazioni inviate tramite la compilazione del modulo elettronico disponibile on-line saranno conservati in un´apposita Banca Dati gestita dal Titolare del trattamento Studio Legale Avvocati Rando Gurrieri Di Martino & Partners. La eventuale stampa dei CV comporterà anche un trattamento di tipo manuale delle informazioni in essi contenute.c) i dati saranno comunicati solo agli Avvocati o ad altri professionisti dello Studio Legale Avvocati Rando Gurrieri Di Martino & Partners ai fini della gestione delle procedure selettive in essere presso lo Studio Legale Avvocati Rando Gurrieri Di Martino & Partners. I Suoi dati non saranno oggetto di diffusione. Ai sensi dell´articolo 13, comma 1, lettera d) La informiamo inoltre circa i soggetti o le categorie di soggetti ai quali i Suoi dati personali potranno essere comunicati o che potranno venirne a conoscenza in qualità di Incaricati del trattamento: Avvocati, personale di segreteria, addetti dell´Amministrazione, tecnici informatici che gestiscono la rete interna dello Studio Legale Avvocati Rando Gurrieri Di Martino & Partners. La informiamo che il conferimento dei dati è facoltativo, ma il loro eventuale mancato conferimento ci renderebbe impossibile dar corso alle procedure di valutazione dei profili professionali ed alle conseguenti attività di selezione del personale. Gli estremi identificativi del Titolare per il trattamento dei dati da Lei forniti sono i seguenti: Avvocato Pietro Gurrieri - Studio Legale Avvocati Rando Gurrieri Di Martino & Partners - Via Falloppia n. 53 Modena, e.mail segreteria@avvocatirandogurrieri.it. I dati saranno conservati presso la sede del Titolare, per i tempi definiti dalla normativa di riferimento. In ogni caso, conserveremo i Suoi dati personali in rapporto alle esigenze di potenziamento della rete di collaborazioni dello Studio Legale Avvocati Rando Gurrieri Di Martino & Partners. Periodicamente, procederemo alla cancellazione dalla Banca Dati di CV per i quali non è più attuale la loro conservazione, anche in base alle Sue segnalazioni che potranno essere inviate senza alcuna formalità alla e-mail prima indicata. La informiamo altresì che tali dati saranno raccolti, trattati e custoditi nel pieno rispetto di quanto previsto dagli articoli 31 e seguenti del Codice della Privacy e dal Disciplinare Tecnico Allegato B al Codice in materia di misure minime di sicurezza. Con riferimento al trattamento di dati sensibili, cioè a quelle informazioni atte a rivelare l´origine razziale ed etnica, le convinzioni religiose, filosofiche o di altro genere, le opinioni politiche, l´adesione a partiti, sindacati, associazioni od organizzazioni a carattere religioso, filosofico, politico o sindacale, nonché i dati personali idonei a rivelare lo stato di salute e la vita sessuale, La informiamo che, ove non necessari, è preferibile evitare l´inserimento nel CV o nel modulo elettronico di tali dati personali. Nel caso sia necessario indicare tali informazioni è necessario esprimere, oltre al consenso generale sul trattamento dei dati personali comuni, anche uno specifico consenso al trattamento dei dati sensibili indicati nel CV o nel modulo elettronico selezionando l´apposita casella della formula di consenso riportata dopo l´Informativa, prima dell´invio delle informazioni. In assenza di consenso al trattamento dei dati sensibili, in base a quanto previsto dalla normativa a tutela dei dati personali, il Titolare del trattamento procederà a cancellare le relative informazioni. Le medesime finalità e modalità del trattamento sopra illustrate saranno applicate anche alle Sue informazioni di natura sensibile, ove indicate, nel pieno rispetto di tutte le norme del Codice della Privacy applicabili a trattamenti di particolare delicatezza. I dati personali saranno altresì trattati nel pieno rispetto delle norme di autoregolamentazione in materia di trattamento dei dati personali contenute nei Codici Deontologici di settore in vigore eventualmente applicabili. Con riferimento all´utilizzo sul portale di tecnologie e/o tecniche per accedere a informazioni archiviate nell´apparecchio terminale di un abbonato o di un utente, per archiviare informazioni o per monitorare le operazioni dell´utente, La informiamo che tale utilizzo avverrà unicamente per scopi legittimi relativi alla memorizzazione tecnica dei dati per il tempo strettamente necessario alla trasmissione della comunicazione o alla fornitura delle risposte da Lei richieste. Le ricordiamo altresì che anche nel caso di operatività di tali sistemi di tracciatura/marcatura della navigazione web, l´utente ha sempre la possibilità di disattivarne il funzionamento modificando le impostazioni del suo browser, ed in ogni caso può opporsi a tale tipo di trattamento comunicandolo al Titolare. Al Titolare del trattamento Lei potrà rivolgersi in qualsiasi momento, senza obblighi formali (via e-mail telefono o fax) oppure utilizzando l´apposito modello predisposto dall´Autorità Garante per la protezione dei dati personali per far valere i Suoi diritti così come previsti dall´articolo 7 del Codice. Con riferimento all´esercizio dei Suoi diritti, La informiamo che le procedure relative all´invio del curriculum tramite la sezione dedicata del nostro portale web prevedono sempre la possibilità di gestione autonoma delle informazioni professionali inviate in precedenza. Ad esempio, Lei avrà sempre la possibilità di accedere a tali informazioni per integrarle, aggiornarle o cancellarle in piena autonomia. 
torna indietro leggi Informativa Privacy  obbligatorio