21 Aprile 2018
[]

[]

Gratuito patrocinio, SC precisa come ed avanti a chi ci si può opporre alla revoca

12-03-2018 07:51 - Cassazione Sezioni Civili
Un´ordinanza importante, soprattutto a fini pratici, che involge un tema piuttosto contrastato - in verità, più nella prassi concreta che nei principi giurisprudenziali a monte e nella relativa applicazione - quello delle modalità e delle sedi dell´opposizione ai provvedimenti di revoca dell´ammissione al gratuito patrocinio.



I giudici della Sesta Sezione Civile della Corte di Cassazione con l´ordinanza n. 5535 dell´8
marzo 2018
hanno chiarito che l´unico mezzo impugnatorio avverso il provvedimento di revoca della ammissione al patrocinio a spese dello Stato in sede civile, va individuato
non nella disciplina penalistica dettata dagli artt. 99, 112 e 113 del D.P.R. 30 maggio 2002 n. 115, ma nell´art. 170 del medesimo decreto che, pur se rivolto a regolare l´opposizione ai decreti di pagamento in favore dell´ausiliario o del custode, deve ritenersi estensibile alle opposizioni ai provvedimenti di revoca dell´ammissione al detto patrocinio deliberati dal giudice civile, configurando tale disposizione un rimedio generale contro tutti i decreti in materia di liquidazione, (Cass., Sez. 1, Sentenza n. 13807 del 23/06/2011, Rv. 618348 - 01; conf.: Sez. 1, Sentenza n. 21400 del 17/10/2011).



Inoltre, quando la revoca sia stata disposta dal giudice a seguito di richiesta dell´ufficio finanziario per la mancanza dei requisiti
reddituali, allora è possibile esperire direttamente il ricorso in cassazione.

I fatti
Il ricorrente aveva agito nei confronti della compagnia assicuratrice e nei confronti di altri soggetti per richiedere il risarcimento dei danni subiti a seguito di un sinistro stradale. La domanda veniva accolta solo in parte dal Tribunale di Ragusa. Ritenendosi insoddisfatto, l´attore proponeva impugnazione avanti la Corte di Appello di Catania che dichiarava inammissibile l´appello proposto. Avverso la decisione del giudice di secondo grado ricorreva per cassazione, proponendo quattro motivi.

Il ricorso è stato dichiarato inammissibile in quanto infondati sono risultati tutti i motivi proposti.
In questa sede ci occuperemo di esaminare solo il secondo dei motivi proposti avente ad oggetto il tema della revoca del decreto di ammissione al gratuito patrocinio.



Con il citato motivo il ricorrente denunciava la erronea applicazione dell´art. 136 D.P.R. n. 115 del 2002 in relazione all´art. 360 c.p.c..

Ragioni della decisione
I giudici della Sesta Sezione Civile hanno avuto modo di chiarire alcuni aspetti importanti sul tema dell´opposizione alla revoca del decreto di ammissione al patrocinio a spese dello Stato.

Hanno infatti stabilito che nel giudizio di opposizione avverso il provvedimento di revoca, l´unica legittimata passiva è l´amministrazione interessata (e quindi, il Ministero della Giustizia,
soggetto passivo del rapporto debitorio scaturente dall´ammissione al beneficio) ovvero l´Agenzia delle Entrate laddove la revoca dell´ammissione al patrocinio sia richiesta dall´ufficio finanziario ai sensi dell´art. 127, comma 3, del D.P.R. n. 115 del 2002 a seguito della verifica dell´esattezza dell´ammontare dei redditi dichiarati.

A tali amministrazioni devono essere notificati sia l´opposizione al decreto di revoca, ai sensi dell´art. 136, comma 2, del D.P.R. n. 115 del 2002, che il ricorso per cassazione avverso il provvedimento che decide sull´opposizione, a pena d´inammissibilità.



Il potere di revocare il provvedimento di ammissione al patrocinio a spese dello Stato è riservato allo stesso giudice che ha deciso il merito anche se si tratta di un potere diverso rispetto a quello di decidere la controversia tra le parti. Proprio per questo motivo esso va di regola esercitato con autonomo decreto, la cui natura è quella di un provvedimento non decisorio e non definitivo in relazione al merito della suddetta controversia.

La natura autonoma del provvedimento di revoca e distinto da quello che decide il merito della controversia comporta che,"anche laddove la revoca venga pronunciata nel contesto di quest´ultimo, la sua anomala "collocazione topografica" (che non può determinarne la radicale nullità, sussistendo certamente il potere del giudice di provvedere in materia) non può neanche ritenersi idonea a mutarne la natura. La relativa decisione non costituisce quindi un autonomo capo della sentenza di merito (ai sensi dell´art. 329, comma 2, c.p.c.), ma va considerata come se fosse stata emessa secondo la forma prescritta. Di conseguenza, il mezzo di impugnazione esperibile avverso la stessa resta in ogni caso quello suo proprio, e cioè l´opposizione da proporsi al capo dell´ufficio giudiziario del magistrato che ha disposto la revoca."



I giudici della Sesta Sezione hanno fatto rilevare inoltre che nel caso di specie, non era stata proposta l´opposizione avverso il provvedimento di revoca nelle forme previste dall´art. 170 del D.P.R. n. 115 del 2002 al capo dell´ufficio giudiziario e non era del resto stato neanche evocato il soggetto passivo del rapporto debitorio scaturente dall´ammissione al beneficio, unico legittimato passivo necessario nel relativo procedimento contenzioso.

Di conseguenza, la censura proposta dal ricorrente risultava senz´altro inammissibile.
Per tali motivi e per quegli altri che in questa sede non sono stati presi in esame ma che potranno essere approfonditi nel testo integrale nell´ordinanza che si allega, il ricorso è stato rigettato
Si allega ordinanza.

Avv. Pietro Gurrieri






Documenti allegati
Dimensione: 38,72 KB

[Realizzazione siti web www.sitoper.it]
close
Richiedi il prodotto
Inserisci il tuo indirizzo email per essere avvisato quando il prodotto tornerà disponibile.



Richiesta disponibilità inviata
Richiesta disponibilità non inviata
invia ad un amico
chiudi
Attenzione!
Non puoi effettuare più di 10 invii al giorno.

Informativa Privacy
Informativa ex art. 13 del Codice della Privacy (Decreto Legislativo 30 Giugno 2003, n. 196 recante Testo Unico delle norme in materia di tutela delle persone e di altri soggetti rispetto al trattamento dei dati personali) Gentile Signore/a, desideriamo informarLa, ai sensi dell´articolo 13 del Decreto Legislativo 30 Giugno 2003, n. 196 recante Testo Unico delle disposizioni legislative in materia di tutela delle persone e di altri soggetti rispetto al trattamento dei dati personali (di seguito "Codice"), che le informazioni ed i dati da Lei forniti nella compilazione del modulo elettronico per la segnalazione delle proposte di collaborazione con lo Studio Legale Avvocati Rando Gurrieri Di Martino & Partners, e tramite la trasmissione on-line di un curriculum secondo le procedure previste nella presente sezione del portale saranno oggetto di trattamento nel rispetto delle disposizioni sopra menzionate e degli obblighi di riservatezza che ispirano l´attività dello Studio Legale Avvocati Rando Gurrieri Di Martino & Partners. Per trattamento di dati personali intendiamo qualunque operazione o complesso di operazioni, effettuati anche senza l´ausilio di strumenti elettronici, concernenti la raccolta, la registrazione, l´organizzazione, la conservazione, la consultazione, l´elaborazione, la modificazione, la selezione, l´estrazione, il raffronto, l´utilizzo, l´interconnessione, il blocco, la comunicazione, la diffusione, la cancellazione e la distruzione di dati, anche se non registrati in una banca di dati. Ai sensi dell´articolo 13 del Codice, Le forniamo quindi le seguenti informazioni. Il trattamento che intendiamo effettuare:a) ha le seguenti finalità: ricevere le richieste di collaborazione professionale con lo Studio Legale Avvocati Rando Gurrieri Di Martino & Partners inviate da Avvocati ed altri liberi professionisti, valutare i profili e le possibili collaborazioni potenzialmente attivabili e gestire tutte le fasi connesse (comunicazioni con gli interessati, colloqui).b) sarà effettuato con l´ausilio di strumenti elettronici. In particolare, i CV ricevuti e/o le informazioni inviate tramite la compilazione del modulo elettronico disponibile on-line saranno conservati in un´apposita Banca Dati gestita dal Titolare del trattamento Studio Legale Avvocati Rando Gurrieri Di Martino & Partners. La eventuale stampa dei CV comporterà anche un trattamento di tipo manuale delle informazioni in essi contenute.c) i dati saranno comunicati solo agli Avvocati o ad altri professionisti dello Studio Legale Avvocati Rando Gurrieri Di Martino & Partners ai fini della gestione delle procedure selettive in essere presso lo Studio Legale Avvocati Rando Gurrieri Di Martino & Partners. I Suoi dati non saranno oggetto di diffusione. Ai sensi dell´articolo 13, comma 1, lettera d) La informiamo inoltre circa i soggetti o le categorie di soggetti ai quali i Suoi dati personali potranno essere comunicati o che potranno venirne a conoscenza in qualità di Incaricati del trattamento: Avvocati, personale di segreteria, addetti dell´Amministrazione, tecnici informatici che gestiscono la rete interna dello Studio Legale Avvocati Rando Gurrieri Di Martino & Partners. La informiamo che il conferimento dei dati è facoltativo, ma il loro eventuale mancato conferimento ci renderebbe impossibile dar corso alle procedure di valutazione dei profili professionali ed alle conseguenti attività di selezione del personale. Gli estremi identificativi del Titolare per il trattamento dei dati da Lei forniti sono i seguenti: Avvocato Pietro Gurrieri - Studio Legale Avvocati Rando Gurrieri Di Martino & Partners - Via Falloppia n. 53 Modena, e.mail segreteria@avvocatirandogurrieri.it. I dati saranno conservati presso la sede del Titolare, per i tempi definiti dalla normativa di riferimento. In ogni caso, conserveremo i Suoi dati personali in rapporto alle esigenze di potenziamento della rete di collaborazioni dello Studio Legale Avvocati Rando Gurrieri Di Martino & Partners. Periodicamente, procederemo alla cancellazione dalla Banca Dati di CV per i quali non è più attuale la loro conservazione, anche in base alle Sue segnalazioni che potranno essere inviate senza alcuna formalità alla e-mail prima indicata. La informiamo altresì che tali dati saranno raccolti, trattati e custoditi nel pieno rispetto di quanto previsto dagli articoli 31 e seguenti del Codice della Privacy e dal Disciplinare Tecnico Allegato B al Codice in materia di misure minime di sicurezza. Con riferimento al trattamento di dati sensibili, cioè a quelle informazioni atte a rivelare l´origine razziale ed etnica, le convinzioni religiose, filosofiche o di altro genere, le opinioni politiche, l´adesione a partiti, sindacati, associazioni od organizzazioni a carattere religioso, filosofico, politico o sindacale, nonché i dati personali idonei a rivelare lo stato di salute e la vita sessuale, La informiamo che, ove non necessari, è preferibile evitare l´inserimento nel CV o nel modulo elettronico di tali dati personali. Nel caso sia necessario indicare tali informazioni è necessario esprimere, oltre al consenso generale sul trattamento dei dati personali comuni, anche uno specifico consenso al trattamento dei dati sensibili indicati nel CV o nel modulo elettronico selezionando l´apposita casella della formula di consenso riportata dopo l´Informativa, prima dell´invio delle informazioni. In assenza di consenso al trattamento dei dati sensibili, in base a quanto previsto dalla normativa a tutela dei dati personali, il Titolare del trattamento procederà a cancellare le relative informazioni. Le medesime finalità e modalità del trattamento sopra illustrate saranno applicate anche alle Sue informazioni di natura sensibile, ove indicate, nel pieno rispetto di tutte le norme del Codice della Privacy applicabili a trattamenti di particolare delicatezza. I dati personali saranno altresì trattati nel pieno rispetto delle norme di autoregolamentazione in materia di trattamento dei dati personali contenute nei Codici Deontologici di settore in vigore eventualmente applicabili. Con riferimento all´utilizzo sul portale di tecnologie e/o tecniche per accedere a informazioni archiviate nell´apparecchio terminale di un abbonato o di un utente, per archiviare informazioni o per monitorare le operazioni dell´utente, La informiamo che tale utilizzo avverrà unicamente per scopi legittimi relativi alla memorizzazione tecnica dei dati per il tempo strettamente necessario alla trasmissione della comunicazione o alla fornitura delle risposte da Lei richieste. Le ricordiamo altresì che anche nel caso di operatività di tali sistemi di tracciatura/marcatura della navigazione web, l´utente ha sempre la possibilità di disattivarne il funzionamento modificando le impostazioni del suo browser, ed in ogni caso può opporsi a tale tipo di trattamento comunicandolo al Titolare. Al Titolare del trattamento Lei potrà rivolgersi in qualsiasi momento, senza obblighi formali (via e-mail telefono o fax) oppure utilizzando l´apposito modello predisposto dall´Autorità Garante per la protezione dei dati personali per far valere i Suoi diritti così come previsti dall´articolo 7 del Codice. Con riferimento all´esercizio dei Suoi diritti, La informiamo che le procedure relative all´invio del curriculum tramite la sezione dedicata del nostro portale web prevedono sempre la possibilità di gestione autonoma delle informazioni professionali inviate in precedenza. Ad esempio, Lei avrà sempre la possibilità di accedere a tali informazioni per integrarle, aggiornarle o cancellarle in piena autonomia. 
torna indietro leggi Informativa Privacy  obbligatorio