21 Maggio 2018
[]

[]

Alle SS.UU calcolo durata custodia cautelare riguardo retrodatazione termini

12-05-2018 06:30 - Cassazione Sezioni Penali
Con ordinanza n. 19100 del 2 maggio 2018 la Seconda Sezione Penale della Corte di Cassazione la rimesso alle Sezioni Unite la questione dell´interpretazione dell´art. 297 co. 3 c.p.p. circa la retrodatazione dei termini di decorrenza delle ordinanze di applicazione della medesima misura cautelare e il computo dei periodi di custodia patiti relativi a fasi processuali non omogenee.


Le Sezioni Unite sono chiamate a decidere se in ipotesi di pluralità di ordinanze applicative di misure cautelari per fatti connessi, la retrodatazione della decorrenza dei termini di custodia cautelare di cui all´art. 297 co. 3 c.p.p. debba essere effettuata frazionando la durata globale della custodia cautelare in carcere ed imputandovi solo i periodi relativi a fasi omogenee.
Occorre tenere conto infatti che un soggetto può essere detenuto con provvedimento di custodia cautelare in diverse fasi processuali, sia in fase di indagini preliminari sia a seguito del rinvio a giudizio.
L´art. 297 c.p.p. è norma dedicata a disciplinare il computo dei termini di durata delle misure cautelari dal quale dipende il calcolo dei termini massimi di detenzione di cui all´art. 303 c.p.p. per ogni fase processuale.
In particolare i primi due commi dell´art. 297 c.p.p. stabiliscono il dies a quo da cui decorrono gli effetti della custodia cautelare in carcere o delle altre misure cautelari, rispettivamente dal momento della cattura, arresto o fermo o dal momento della notifica dell´ordinanza di applicazione.
Il successivo co. 3 disciplina la c.d. retrodatazione della data di decorrenza della misura cautelare in ipotesi di applicazione della medesima misura per uno stesso fatto o per fatti connessi o collegati con diverse ordinanze.
In tal caso, il legislatore ha previsto che i termini decorrano dal giorno in cui è stata eseguita la prima ordinanza e siano commisurati all´imputazione più grave.
La questione controversa riguarda dunque la applicabilità del suddetto comma anche ad ordinanze emesse in procedimenti differenti che pendano, a loro volta, in fasi processuali differenti (ovvero in uno di essi sia stato ormai disposto il rinvio a giudizio) e, in caso affermativo, la retrodatazione debba essere effettuata tenendo in considerazione tutto il periodo di custodia sofferto o solo quello in fasi procedimentali omogenee (ad es. nel corso delle indagini preliminari).



I Fatti
Nel caso sottoposto ai giudici della Seconda Sezione il ricorrente risultava indagato per il delitto di partecipazione ad associazione a delinquere di tipo mafioso, art. 416 bis c.p., e, pertanto, gli veniva applicata la misura cautelare della custodia in carcere.
Avverso l´ordinanza di conferma del GIP proponeva ricorso per cassazione denunciando la violazione degli artt. 125 c.p.p. e 297 c.p.p., lamentando, in particolare, l´erronea negata applicazione dell´art. 297 c.p.p. co. 3 c.p.p. in ordine alla retrodatazione del termine di decorrenza di applicazione della misura custodiale, essendo in presenza di "contestazioni a catena".
Il ricorrente, infatti, era già stato sottoposto a misura di custodia cautelare nel diverso procedimento levato a suo carico per il reato di detenzione illecita di sostanze stupefacenti e di armi, aggravato ex art. 7 l. 201 del 1991 (ora art. 416 bis. 1 c.p.), e risultava detenuto in carcere dal gennaio 2016.
Per tale procedimento risultava esaurita la fase delle indagini preliminari, essendo intervenuto il decreto che disponeva il giudizio.
Pertanto la fase cautelare in essere era diversa da quella in atto nel procedimento per associazione a delinquere.
In merito, tuttavia, rilevava il ricorrente come la piattaforma indiziaria posta a fondamento dell´ordinanza coercitiva impugnata era connessa e già conoscibile all´epoca dell´emissione nei propri confronti della precedente ordinanza coercitiva, disposta nell´ambito del diverso procedimento.


La questione di diritto
La Corte osserva preliminarmente come il Tribunale abbia aderito all´indirizzo della Corte di Cassazione che prevede che, in ipotesi di più ordinanze cautelari per fatti connessi, la retrodatazione, ai fini del calcolo della durata massima della misura, imponga di tenere conto solo dei periodi relativi a fasi omogenee, operando quindi un frazionamento della globale durata della misura custodiale.
A tale orientamento se ne contrappone uno diverso che ritiene che, a fini di retrodatazione dei termini di custodia cautelare in carcere, non si debba operare un frazionamento della globale durata della misura.
Come osserva la giurisprudenza più recente, infatti, l´art. 297 c.p.p. detta la fondamentale garanzia per cui è necessario concentrare in un unico contesto temporale le vicende cautelari, destinare a dar luogo a simultanei titoli custodiali.
"Alla base dell´istituto ricorda la Corte vi è la constatazione che i diversi titoli cautelari [devono] essere emessi simultaneamente, dando luogo ad un medesimo percorso cautelare, indipendentemente dalle scelte del pubblico ministero in ordine all´eventuale separazione dei relativi procedimenti penali", senza che tale garanzia possa essere frustrata da frazionati passaggi di fase di un procedimento sostanzialmente unitario.
Le Sezioni Unite peraltro si erano già espresse più volte nel tentativo di delimitare l´ambito applicativo dell´art. 297 co. 3 c.p.p. ed erano giunte alla conclusione di ritenere operativo il meccanismo della retrodatazione sia se le diverse ordinanze fossero state emesse nello stesso procedimento o in procedimenti distinti, sia se i procedimenti si fossero trovati in fasi differenti, ma non si erano mai pronunciate sulla computabilità dei periodi detentivi patiti in fasi procedimentali non omogenee.
In particolare, le precedenti sentenze avevano ritenuto applicabile il regime della retrodatazione in via automatica nell´ipotesi di emissione di una seconda ordinanza che avesse disposto l´applicazione della medesima misura cautelare per il medesimo fatto o per diversi fatti legati da concorso formale, connessione teleologica, continuazione, commessi anteriormente all´emissione della prima ordinanza.
Qualora tra i fatti della prima e della seconda ordinanza non vi fosse stato lo stretto rapporto di connessione richiesto, la retrodatazione avrebbe, invece, trovato applicazione se si fosse dimostrato che al momento della emissione della prima ordinanza erano desumibili dagli atti elementi idonei a giustificare le misure applicate con le ordinanze successive.
In caso, invece, di procedimenti diversi, in ipotesi di fatti connessi a norma dell´art. 12 co. 1 lett. b e c (ovvero concorso formale, connessione teleologica e continuazione), l´art. 297 c.p.p. avrebbe trovato applicazione per i fatti desumibili dagli atti prima del rinvio a giudizio disposto nel procedimento in cui era stata emessa la prima ordinanza.
Qualora i fatti non fossero stati avvinti dalle connessioni richieste, invece, sarebbe stato altresì necessario che i giudizi fossero pendenti di fronte alla medesima autorità giudiziaria e che la separazione fosse frutto di una scelta del P.M. procedente.
Da ultimo, la Suprema Corte aveva altresì affermato che la disciplina come descritta trovava applicazione anche nelle ipotesi in cui per i fatti contestati nella prima ordinanza l´imputato fosse stato condannato con sentenza divenuta irrevocabile.
Come osserva la Corte tutte le ipotesi richiamate obbediscono allo stesso principio ovvero impedire che l´autorità giudiziaria, "scegliendo" momenti diversi da cui far decorrere i termini delle misure cautelari, possa diluire i termini della loro durata, incidendo chiaramente sulla data di inizio del loro calcolo.
Tuttavia, sebbene l´indirizzo giurisprudenziale più recente sia favorevole all´applicazione del meccanismo suesposto anche al caso di specie, esigenze di certezza del diritto richiedono la rimessione della questione alla Sezioni Unite perché dirimano il contrasto giurisprudenziale sorto e affermino se la retrodatazione della decorrenza dei termini di custodia cautelare debba essere effettuata frazionando la durata globale della misura cautelare ed imputandovi solo i periodi relativi a fasi omogenee.
Dott.ssa Giulia Zani


[Realizzazione siti web www.sitoper.it]
close
Richiedi il prodotto
Inserisci il tuo indirizzo email per essere avvisato quando il prodotto tornerà disponibile.



Richiesta disponibilità inviata
Richiesta disponibilità non inviata
invia ad un amico
chiudi
Attenzione!
Non puoi effettuare più di 10 invii al giorno.
Informativa Privacy
Informativa ex art. 13 del Codice della Privacy (Decreto Legislativo 30 Giugno 2003, n. 196 recante Testo Unico delle norme in materia di tutela delle persone e di altri soggetti rispetto al trattamento dei dati personali) Gentile Signore/a, desideriamo informarLa, ai sensi dell´articolo 13 del Decreto Legislativo 30 Giugno 2003, n. 196 recante Testo Unico delle disposizioni legislative in materia di tutela delle persone e di altri soggetti rispetto al trattamento dei dati personali (di seguito "Codice"), che le informazioni ed i dati da Lei forniti nella compilazione del modulo elettronico per la segnalazione delle proposte di collaborazione con lo Studio Legale Avvocati Rando Gurrieri Di Martino & Partners, e tramite la trasmissione on-line di un curriculum secondo le procedure previste nella presente sezione del portale saranno oggetto di trattamento nel rispetto delle disposizioni sopra menzionate e degli obblighi di riservatezza che ispirano l´attività dello Studio Legale Avvocati Rando Gurrieri Di Martino & Partners. Per trattamento di dati personali intendiamo qualunque operazione o complesso di operazioni, effettuati anche senza l´ausilio di strumenti elettronici, concernenti la raccolta, la registrazione, l´organizzazione, la conservazione, la consultazione, l´elaborazione, la modificazione, la selezione, l´estrazione, il raffronto, l´utilizzo, l´interconnessione, il blocco, la comunicazione, la diffusione, la cancellazione e la distruzione di dati, anche se non registrati in una banca di dati. Ai sensi dell´articolo 13 del Codice, Le forniamo quindi le seguenti informazioni. Il trattamento che intendiamo effettuare:a) ha le seguenti finalità: ricevere le richieste di collaborazione professionale con lo Studio Legale Avvocati Rando Gurrieri Di Martino & Partners inviate da Avvocati ed altri liberi professionisti, valutare i profili e le possibili collaborazioni potenzialmente attivabili e gestire tutte le fasi connesse (comunicazioni con gli interessati, colloqui).b) sarà effettuato con l´ausilio di strumenti elettronici. In particolare, i CV ricevuti e/o le informazioni inviate tramite la compilazione del modulo elettronico disponibile on-line saranno conservati in un´apposita Banca Dati gestita dal Titolare del trattamento Studio Legale Avvocati Rando Gurrieri Di Martino & Partners. La eventuale stampa dei CV comporterà anche un trattamento di tipo manuale delle informazioni in essi contenute.c) i dati saranno comunicati solo agli Avvocati o ad altri professionisti dello Studio Legale Avvocati Rando Gurrieri Di Martino & Partners ai fini della gestione delle procedure selettive in essere presso lo Studio Legale Avvocati Rando Gurrieri Di Martino & Partners. I Suoi dati non saranno oggetto di diffusione. Ai sensi dell´articolo 13, comma 1, lettera d) La informiamo inoltre circa i soggetti o le categorie di soggetti ai quali i Suoi dati personali potranno essere comunicati o che potranno venirne a conoscenza in qualità di Incaricati del trattamento: Avvocati, personale di segreteria, addetti dell´Amministrazione, tecnici informatici che gestiscono la rete interna dello Studio Legale Avvocati Rando Gurrieri Di Martino & Partners. La informiamo che il conferimento dei dati è facoltativo, ma il loro eventuale mancato conferimento ci renderebbe impossibile dar corso alle procedure di valutazione dei profili professionali ed alle conseguenti attività di selezione del personale. Gli estremi identificativi del Titolare per il trattamento dei dati da Lei forniti sono i seguenti: Avvocato Pietro Gurrieri - Studio Legale Avvocati Rando Gurrieri Di Martino & Partners - Via Falloppia n. 53 Modena, e.mail segreteria@avvocatirandogurrieri.it. I dati saranno conservati presso la sede del Titolare, per i tempi definiti dalla normativa di riferimento. In ogni caso, conserveremo i Suoi dati personali in rapporto alle esigenze di potenziamento della rete di collaborazioni dello Studio Legale Avvocati Rando Gurrieri Di Martino & Partners. Periodicamente, procederemo alla cancellazione dalla Banca Dati di CV per i quali non è più attuale la loro conservazione, anche in base alle Sue segnalazioni che potranno essere inviate senza alcuna formalità alla e-mail prima indicata. La informiamo altresì che tali dati saranno raccolti, trattati e custoditi nel pieno rispetto di quanto previsto dagli articoli 31 e seguenti del Codice della Privacy e dal Disciplinare Tecnico Allegato B al Codice in materia di misure minime di sicurezza. Con riferimento al trattamento di dati sensibili, cioè a quelle informazioni atte a rivelare l´origine razziale ed etnica, le convinzioni religiose, filosofiche o di altro genere, le opinioni politiche, l´adesione a partiti, sindacati, associazioni od organizzazioni a carattere religioso, filosofico, politico o sindacale, nonché i dati personali idonei a rivelare lo stato di salute e la vita sessuale, La informiamo che, ove non necessari, è preferibile evitare l´inserimento nel CV o nel modulo elettronico di tali dati personali. Nel caso sia necessario indicare tali informazioni è necessario esprimere, oltre al consenso generale sul trattamento dei dati personali comuni, anche uno specifico consenso al trattamento dei dati sensibili indicati nel CV o nel modulo elettronico selezionando l´apposita casella della formula di consenso riportata dopo l´Informativa, prima dell´invio delle informazioni. In assenza di consenso al trattamento dei dati sensibili, in base a quanto previsto dalla normativa a tutela dei dati personali, il Titolare del trattamento procederà a cancellare le relative informazioni. Le medesime finalità e modalità del trattamento sopra illustrate saranno applicate anche alle Sue informazioni di natura sensibile, ove indicate, nel pieno rispetto di tutte le norme del Codice della Privacy applicabili a trattamenti di particolare delicatezza. I dati personali saranno altresì trattati nel pieno rispetto delle norme di autoregolamentazione in materia di trattamento dei dati personali contenute nei Codici Deontologici di settore in vigore eventualmente applicabili. Con riferimento all´utilizzo sul portale di tecnologie e/o tecniche per accedere a informazioni archiviate nell´apparecchio terminale di un abbonato o di un utente, per archiviare informazioni o per monitorare le operazioni dell´utente, La informiamo che tale utilizzo avverrà unicamente per scopi legittimi relativi alla memorizzazione tecnica dei dati per il tempo strettamente necessario alla trasmissione della comunicazione o alla fornitura delle risposte da Lei richieste. Le ricordiamo altresì che anche nel caso di operatività di tali sistemi di tracciatura/marcatura della navigazione web, l´utente ha sempre la possibilità di disattivarne il funzionamento modificando le impostazioni del suo browser, ed in ogni caso può opporsi a tale tipo di trattamento comunicandolo al Titolare. Al Titolare del trattamento Lei potrà rivolgersi in qualsiasi momento, senza obblighi formali (via e-mail telefono o fax) oppure utilizzando l´apposito modello predisposto dall´Autorità Garante per la protezione dei dati personali per far valere i Suoi diritti così come previsti dall´articolo 7 del Codice. Con riferimento all´esercizio dei Suoi diritti, La informiamo che le procedure relative all´invio del curriculum tramite la sezione dedicata del nostro portale web prevedono sempre la possibilità di gestione autonoma delle informazioni professionali inviate in precedenza. Ad esempio, Lei avrà sempre la possibilità di accedere a tali informazioni per integrarle, aggiornarle o cancellarle in piena autonomia. 
torna indietro leggi Informativa Privacy  obbligatorio