21 Aprile 2018
[]

[]

Stamane i flashmob anti Poseidone: luoghi, referenti, ragioni

16-04-2018 06:48 - Avvocatura, Ordini e Professioni
Si svolgerà questa mattina nei Tribunali di mezza Italia il flash mob contro l´operazione Poseidone voluta dall´INPS, che ha suscitato la reazione di decine di migliaia di professionisti, non solo avvocati.

I flash mob si terranno nelle sedi e luoghi che indichiamo, unitamente ai nominativi dei colleghi che ne sono i coordinatori.

Nell´invitare alla partecipazione massima a questa iniziativa che merita di essere sostenuta, alleghiamo il brevissimo comunicato del Coordinamento nazionale Ed una ricostruzione della vicenda di cui ci siamo ripetutamente occupati.



Flashmob: il programma, i dettagli, le sedi e i coordinatori
Dal 2011 l´ I.N.P.S. invia ad 800.000 professionisti, tra cui avvocati, avvisi di pagamento.
Dal 2011 quei professionisti combattono (e vincono) le loro battaglie giudiziarie.
Dal 2011 lo Stato è silente, e non interviene, fino a quando una sentenza della Cassazione legittima l´Inps a proseguire. Una, rispetto a 500...
L´Inps si giustifica promettendo una pensione inesistente, da parte di un ente con un buco di bilancio attestato al 2016 in quasi 8 mld di euro.
Ma siccome DI PREVIDENZA NON SI PUÒ MORIRE, e lo Stato sembra ignorare la portata grave e massiccia del problema, il giorno 16 aprile 2018 dalle 10 alle 10.30 saremo IN UN SILENZIOSO FLASH MOB presso:
Tribunale di Lecce,
via Brenta s.n. (Avv Manuela Marzo-Avv Alessandra Sorrentino-
Avv Daniela Barbieri)

Tribunale civile di Bari,
Piazza E. De Nicola s.n. (Avv Ilaria Gadaleta)

Tribunale di Napoli Centro Direzionale,
Piazza E. Cenni n. 1 (Avv Rita Pierro-Avv Mariarosaria Giarritiello-Avv Mario Troiani)

Tribunale di Torre Annunziata,
Via Nazionale s.n. (Avv Carmela Nappo)

Tribunale di Napoli Nord- palazzo Aragonese- Piazza Trieste e Trento Aversa (Ce) (Avv Anna Artellino-
Avv Rosaria Artellino)

Sede Inps Pescara
Via Paolucci, 35 (Avv Federica Pace
Avv Sara Aliberti)

Tribunale di Salerno (lato entrata Avv.)
Corso Vittorio Emanuele n.155 (Avv Michelina Di Spirito´-Avv Alfonso Modestino)

Tribunale civile di Santa Maria Capua Vetere ingresso principale via Sant´Agata (Avv Clelia Tessitore)

Tribunale di Monza,
Piazza Giuseppe Garibaldi n. 10 (Ing. Ferro)

Corte di Cassazione, Roma
Piazza Cavour (Avv Francesca Romana Perrotta- Avv Barbara Ramazzotti)

Tribunale di Benevento,
Via De Caro n. 7 (Avv Antonietta Colucciello)

Tribunale di NOLA, sez lavoro
via On Napolitano (Avv Gaetano Razza- Avv Mariafrancesca Pugliese-Avv Gabriele Volpe)

Tribunale di Cosenza, Piazza Gullo
(Avv Francesca De Bonis)

Tribunale di Agrigento,
Via Mazzini n. 179 (Avv Vincenzo Gorgone)

... Chiunque vorrà intervenire sarà accolto a braccia aperte...

L´Operazione Poseidone è la reazione del movimento.

Questo portale si è a lungo occupato in più occasioni dell´operazione Poseidone e della reazione di migliaia di professionisti, non solo avvocati. Ne abbiamo seguito la battaglia, ritenendo la giusta, diffuso le tesi giuridiche e abbiamo dato ripetutamente la parola ai colleghi che se la sono intestata, da Ilaria Gadaleta a Rosaria Artellino, con interviste che riproponiamo questa mattina.

Data l´importante concomitanza di oggi, riproponiamo la sintesi, pubblicata nel gennaio scorso con cui abbiamo ricostruito l´operazione posta in essere dall´INPS e la reazione dei professionisti:



"Dal 2011 ad oggi circa 100.000 Avvocati sono stati colpiti da un violento attacco da parte dello Istituto, noto come "operazione Poseidone" (il dio del mare e dei maremoti..), che ha messo in moto una gigantesca macchina da guerra con la forza dello Stato e dei suoi Esattori, per recuperare miliardi di euro dalle tasche dei professionisti e finanziare, sostanzialmente, quelle dei privilegiati.

La Relazione al Parlamento della Corte di Conti 2017 sulla gestione dell´ INPS - esercizio 2015 - è molto chiara sul punto, indicando alcuni dati dell´operazione da cui è facile evincere il dramma umano e professionale che si sta consumando e la sua finalità:

- Punto 6. della parte introduttiva: "Gli aggregati più significativi delle gestioni amministrate dall´Inps evidenziano, come già rappresentato, un aumento delle contribuzioni non sufficiente a compensare l´incremento delle prestazioni istituzionali che incidono negativamente sugli equilibri della quasi totalità delle gestioni. I due maggiori fondi, Fondo pensioni lavoratori dipendenti (Fpld) ed ex Inpdap, contribuiscono, rispettivamente, per 8,8 md e per -4,4 md al risultato economico generale, rimanendo, invece, inalterato l´apporto positivo di contenimento del disavanzo dei parasubordinati (7,56 md) e delle prestazioni temporanee (2,69 md)".

- Par. 10.8 sulla gestione separata parasubordinati: "Le contribuzioni accertate aumentano di 342 ml (dai 7,66 md del 2014 a 8,01 md) per effetto dell´aumento dell´aliquota al 30,72 per cento per i liberi professionisti e collaboratori non assicurati presso altre forme pensionistiche obbligatorie, e al 23,50 per cento per i soggetti titolari di pensione (diretta e indiretta), nonché per effetto delle campagne per l´accertamento di nuovi contribuenti (operazione Poseidone).. A livello sistemico, la gestione separata continua - insieme alla Gpt - a svolgere il ruolo di finanziatore dei fabbisogni finanziari delle gestioni deficitarie.. A fronte di ciò, è da sottolineare come le prestazioni medie erogate siano, per importo, tra le più basse del sistema.. Saranno da valutare gli impatti sulla gestione, derivante non solo dalla riduzione della platea dei soggetti iscritti, ma anche dalle recenti innovazioni apportate dalla legge di bilancio per il 2017 in materia di aliquote contributive".

Le aliquote successivamente indicate nella circolare Inps n. 21 del 31.01.2017 per la contribuzione alla Gestione Separata per l´anno 2017 saranno:
1) per i Liberi Professionisti non assicurati presso altre forme pensionistiche obbligatorie il 25,72%, mentre per i titolari di pensione o provvisti di altra tutela pensionistica obbligatoria il 24%;
2)- per i Collaboratori e figure assimilate non assicurati presso altre forme pensionistiche obbligatorie 32,72%, mentre i titolari di pensione o provvisti di altra tutela pensionistica obbligatoria il 24 %.

La tecnica utilizzata nell´operazione Poseidone la conosciamo già: si inizia con l´ iscrizione d´ufficio (in questo caso alla Gestione Separata Inps), viene quindi precostituito un debito "a tua insaputa" e sulla base di esso vengono promosse le procedure esecutive, anche in pendenza dei giudizi sulla legittimità della pretesa creditoria! Nel frattempo anche per i 100.000 Avvocati travolti da "Poseidone" entrava in vigore l´obbligatorietà dell´iscrizione a Cassa Forense, facendoli finire tutti sotto il fuoco incrociato sia dell´ Inps che della Cassa Forense!

Esclusi dall´elettorato attivo in sede di elezione del Comitato dei Delegati, trascurati dalla maggior parte delle istituzioni e delle associazioni forensi, questo esercito di 100.000 Avvocati "artatamente indebitati" decide di resistere e lottare nei Tribunali di tutta Italia e, soprattutto, di unirsi e organizzarsi spontaneamente per fare fronte comune contro l´Istituto.

Inizia cosi la contro-operazione "Minerva" (la dea della guerra giusta..).
Insorge per prima l´Avvocato Ilaria Gadaleta, diventa il leader naturale del movimento e del gruppo FB "AVVOCATI: NO GESTIONE SEPARATA INPS", promuove le azioni giudiziarie contro l´Istituto, arrivano le prime vittorie e ultima, la Sent. Trib. Bari n. 5896 del 13.12.2017

[Realizzazione siti web www.sitoper.it]
close
Richiedi il prodotto
Inserisci il tuo indirizzo email per essere avvisato quando il prodotto tornerà disponibile.



Richiesta disponibilità inviata
Richiesta disponibilità non inviata
invia ad un amico
chiudi
Attenzione!
Non puoi effettuare più di 10 invii al giorno.

Informativa Privacy
Informativa ex art. 13 del Codice della Privacy (Decreto Legislativo 30 Giugno 2003, n. 196 recante Testo Unico delle norme in materia di tutela delle persone e di altri soggetti rispetto al trattamento dei dati personali) Gentile Signore/a, desideriamo informarLa, ai sensi dell´articolo 13 del Decreto Legislativo 30 Giugno 2003, n. 196 recante Testo Unico delle disposizioni legislative in materia di tutela delle persone e di altri soggetti rispetto al trattamento dei dati personali (di seguito "Codice"), che le informazioni ed i dati da Lei forniti nella compilazione del modulo elettronico per la segnalazione delle proposte di collaborazione con lo Studio Legale Avvocati Rando Gurrieri Di Martino & Partners, e tramite la trasmissione on-line di un curriculum secondo le procedure previste nella presente sezione del portale saranno oggetto di trattamento nel rispetto delle disposizioni sopra menzionate e degli obblighi di riservatezza che ispirano l´attività dello Studio Legale Avvocati Rando Gurrieri Di Martino & Partners. Per trattamento di dati personali intendiamo qualunque operazione o complesso di operazioni, effettuati anche senza l´ausilio di strumenti elettronici, concernenti la raccolta, la registrazione, l´organizzazione, la conservazione, la consultazione, l´elaborazione, la modificazione, la selezione, l´estrazione, il raffronto, l´utilizzo, l´interconnessione, il blocco, la comunicazione, la diffusione, la cancellazione e la distruzione di dati, anche se non registrati in una banca di dati. Ai sensi dell´articolo 13 del Codice, Le forniamo quindi le seguenti informazioni. Il trattamento che intendiamo effettuare:a) ha le seguenti finalità: ricevere le richieste di collaborazione professionale con lo Studio Legale Avvocati Rando Gurrieri Di Martino & Partners inviate da Avvocati ed altri liberi professionisti, valutare i profili e le possibili collaborazioni potenzialmente attivabili e gestire tutte le fasi connesse (comunicazioni con gli interessati, colloqui).b) sarà effettuato con l´ausilio di strumenti elettronici. In particolare, i CV ricevuti e/o le informazioni inviate tramite la compilazione del modulo elettronico disponibile on-line saranno conservati in un´apposita Banca Dati gestita dal Titolare del trattamento Studio Legale Avvocati Rando Gurrieri Di Martino & Partners. La eventuale stampa dei CV comporterà anche un trattamento di tipo manuale delle informazioni in essi contenute.c) i dati saranno comunicati solo agli Avvocati o ad altri professionisti dello Studio Legale Avvocati Rando Gurrieri Di Martino & Partners ai fini della gestione delle procedure selettive in essere presso lo Studio Legale Avvocati Rando Gurrieri Di Martino & Partners. I Suoi dati non saranno oggetto di diffusione. Ai sensi dell´articolo 13, comma 1, lettera d) La informiamo inoltre circa i soggetti o le categorie di soggetti ai quali i Suoi dati personali potranno essere comunicati o che potranno venirne a conoscenza in qualità di Incaricati del trattamento: Avvocati, personale di segreteria, addetti dell´Amministrazione, tecnici informatici che gestiscono la rete interna dello Studio Legale Avvocati Rando Gurrieri Di Martino & Partners. La informiamo che il conferimento dei dati è facoltativo, ma il loro eventuale mancato conferimento ci renderebbe impossibile dar corso alle procedure di valutazione dei profili professionali ed alle conseguenti attività di selezione del personale. Gli estremi identificativi del Titolare per il trattamento dei dati da Lei forniti sono i seguenti: Avvocato Pietro Gurrieri - Studio Legale Avvocati Rando Gurrieri Di Martino & Partners - Via Falloppia n. 53 Modena, e.mail segreteria@avvocatirandogurrieri.it. I dati saranno conservati presso la sede del Titolare, per i tempi definiti dalla normativa di riferimento. In ogni caso, conserveremo i Suoi dati personali in rapporto alle esigenze di potenziamento della rete di collaborazioni dello Studio Legale Avvocati Rando Gurrieri Di Martino & Partners. Periodicamente, procederemo alla cancellazione dalla Banca Dati di CV per i quali non è più attuale la loro conservazione, anche in base alle Sue segnalazioni che potranno essere inviate senza alcuna formalità alla e-mail prima indicata. La informiamo altresì che tali dati saranno raccolti, trattati e custoditi nel pieno rispetto di quanto previsto dagli articoli 31 e seguenti del Codice della Privacy e dal Disciplinare Tecnico Allegato B al Codice in materia di misure minime di sicurezza. Con riferimento al trattamento di dati sensibili, cioè a quelle informazioni atte a rivelare l´origine razziale ed etnica, le convinzioni religiose, filosofiche o di altro genere, le opinioni politiche, l´adesione a partiti, sindacati, associazioni od organizzazioni a carattere religioso, filosofico, politico o sindacale, nonché i dati personali idonei a rivelare lo stato di salute e la vita sessuale, La informiamo che, ove non necessari, è preferibile evitare l´inserimento nel CV o nel modulo elettronico di tali dati personali. Nel caso sia necessario indicare tali informazioni è necessario esprimere, oltre al consenso generale sul trattamento dei dati personali comuni, anche uno specifico consenso al trattamento dei dati sensibili indicati nel CV o nel modulo elettronico selezionando l´apposita casella della formula di consenso riportata dopo l´Informativa, prima dell´invio delle informazioni. In assenza di consenso al trattamento dei dati sensibili, in base a quanto previsto dalla normativa a tutela dei dati personali, il Titolare del trattamento procederà a cancellare le relative informazioni. Le medesime finalità e modalità del trattamento sopra illustrate saranno applicate anche alle Sue informazioni di natura sensibile, ove indicate, nel pieno rispetto di tutte le norme del Codice della Privacy applicabili a trattamenti di particolare delicatezza. I dati personali saranno altresì trattati nel pieno rispetto delle norme di autoregolamentazione in materia di trattamento dei dati personali contenute nei Codici Deontologici di settore in vigore eventualmente applicabili. Con riferimento all´utilizzo sul portale di tecnologie e/o tecniche per accedere a informazioni archiviate nell´apparecchio terminale di un abbonato o di un utente, per archiviare informazioni o per monitorare le operazioni dell´utente, La informiamo che tale utilizzo avverrà unicamente per scopi legittimi relativi alla memorizzazione tecnica dei dati per il tempo strettamente necessario alla trasmissione della comunicazione o alla fornitura delle risposte da Lei richieste. Le ricordiamo altresì che anche nel caso di operatività di tali sistemi di tracciatura/marcatura della navigazione web, l´utente ha sempre la possibilità di disattivarne il funzionamento modificando le impostazioni del suo browser, ed in ogni caso può opporsi a tale tipo di trattamento comunicandolo al Titolare. Al Titolare del trattamento Lei potrà rivolgersi in qualsiasi momento, senza obblighi formali (via e-mail telefono o fax) oppure utilizzando l´apposito modello predisposto dall´Autorità Garante per la protezione dei dati personali per far valere i Suoi diritti così come previsti dall´articolo 7 del Codice. Con riferimento all´esercizio dei Suoi diritti, La informiamo che le procedure relative all´invio del curriculum tramite la sezione dedicata del nostro portale web prevedono sempre la possibilità di gestione autonoma delle informazioni professionali inviate in precedenza. Ad esempio, Lei avrà sempre la possibilità di accedere a tali informazioni per integrarle, aggiornarle o cancellarle in piena autonomia. 
torna indietro leggi Informativa Privacy  obbligatorio