21 Maggio 2018
[]

[]

T.R.G.A. Trento, al G.O. giurisdizione su risarcimento danni da meri comportamenti in procedura espropriativa

09-05-2018 06:49 - Edilizia e Urbanistica
Con la sentenza n. 93/2018 il T.R.G.A. Trento si è pronunciato sulla vexata quaestio del riparto di giurisdizione in materia di espropriazione per pubblica utilità, riconoscendo la
giurisdizione del Giudice ordinario nel caso di danni conseguenti a comportamenti meramente materiali anche se subìti durante la procedura espropriativa.
I fatti di causa: il ricorrente era proprietario di un appezzamento terriero, in gran parte oggetto di un provvedimento di occupazione d´urgenza, resosi necessario al fine di mettere in sicurezza un tratto di una strada provinciale. Durante l´esecuzione dei lavori si verificava una frana, che danneggiava sia la proprietà del ricorrente (anche oltre l´area già oggetto di occupazione) sia altro versante della strada oggetto di messa in sicurezza. I lavori, quindi, dovevano estendersi a tutta l´area ormai gravemente danneggiata.

Successivamente venivano emessi i provvedimenti di dichiarazione di pubblica utilità dell´opera e di indifferibilità dei relativi lavori e veniva disposta l´attuazione delle
procedure espropriative. Relativamente al ricorrente era autorizzata l´esecuzione del piano di espropriazione ed era determinata l´indennità di esproprio in 2.361,00.

Nessuno degli atti sopra indicati è stato impugnato dal ricorrente davanti al G.A., né egli ha proposto opposizione alla stima espropriativa davanti alla Corte di Appello o presentato ricorso alla Commissione provinciale espropri.
Tuttavia, egli ha adito il Tribunale amministrativo per ottenere il risarcimento dei danni, previo mero accertamento dell´illegittimità (e non previo annullamento) del provvedimento che aveva disposto l´attuazione delle procedure espropriative, autorizzato l´esecuzione del piano di esproprio e determinato l´indennità di esproprio; danni
quantificati in 177.480,00.

Ha assunto il ricorrente che la frana, che ha poi determinato l´estensione del tratto di strada oggetto dei lavori, sarebbe stata causata dalla scorretta progettazione e dalla
inappropriata esecuzione degli stessi lavori per la messa in sicurezza, che hanno quindi determinato la necessità di interventi su un versante della carreggiata in origine integro.

A opinione del ricorrente, la P.A., anziché risarcire il danno causato, ha deciso di procedere tramite esproprio e ha autorizzato l´esecuzione del piano di espropriazione senza che ciò fosse necessario.
La quantificazione del danno da parte del ricorrente è stata determinata sulla base del valore di mercato del terreno, nonché considerando che l´area residua rimasta in proprietà privata risultava ormai interclusa.

Il Tribunale amministrativo ha rilevato d´ufficio il difetto di giurisdizione del G.A..
L´adito Giudice, in via preliminare, ha individuato il petitum sostanziale, identificandolo nella domanda di risarcimento del danno derivato non per effetto della determinazione dirigenziale che aveva disposto l´attuazione delle procedure espropriative, l´esecuzione del piano di esproprio e l´indennità di espropri, bensì per effetto della progettazione e
della esecuzione dei lavori di messa in sicurezza, tant´è che, nella prospettazione del ricorrente, dette opere avrebbero determinato come conseguenza causale la frana sui terreni posti a valle della strada, tra cui quello di proprietà del ricorrente, e la conseguente necessità di ulteriori lavori anche su detto versante, in origine integro, con conseguente
esproprio.

Secondo la lettura del Tribunale amministrativo, quindi, nel caso di specie il danno lamentato dal ricorrente deriva da condotte pratiche ovvero da comportamenti meramente materiali non riconducibili neppure mediatamente all´esercizio del potere amministrativo e, pertanto, non idonei a radicare la giurisdizione, anche in sede esclusiva, del Giudice amministrativo ai sensi dell´art. 133, comma 1 lett. g), c.p.a., considerato che detta disposizione, in combinato disposto con l´art. 7 c.p.a., richiede l´inerenza della domanda giudiziale all´esercizio del potere pubblico e solo a tale condizione riconduce le controversie nell´alveo della giurisdizione del Giudice amministrativo, anche se esclusiva.

A sostegno dell´esposta conclusione, il Collegio cita precedenti sul punto secondo i quali sono attribuite al G.A. le domande di risarcimento del danno che si ponga in rapporto di
causalità diretta con l´illegittimo esercizio (o con il mancato esercizio) del potere amministrativo, mentre compete al G.O. il risarcimento del danno provocato da comportamenti della P.A. che non trovano rispondenza nell´esercizio del potere pubblico (Cassazione SS.UU. n. 25978/2016; Cassazione SS.UU. n. 11292/2015; Cassazione SS.UU. n. 13568/2015; TAR Lazio, Sez. I quater, n. 3854/2017).

Per questi motivi, il T.R.G.A. di Trento declina la propria giurisdizione a favore del G.O.
assegnando al ricorrente il termine perentorio di tre mesi, dal passaggio in giudicato della sentenza, per la riassunzione del giudizio; condanna il ricorrente alle spese di lite.
Anita Taglialatela
Documenti allegati
Dimensione: 640,78 KB

[Realizzazione siti web www.sitoper.it]
close
Richiedi il prodotto
Inserisci il tuo indirizzo email per essere avvisato quando il prodotto tornerà disponibile.



Richiesta disponibilità inviata
Richiesta disponibilità non inviata
invia ad un amico
chiudi
Attenzione!
Non puoi effettuare più di 10 invii al giorno.
Informativa Privacy
Informativa ex art. 13 del Codice della Privacy (Decreto Legislativo 30 Giugno 2003, n. 196 recante Testo Unico delle norme in materia di tutela delle persone e di altri soggetti rispetto al trattamento dei dati personali) Gentile Signore/a, desideriamo informarLa, ai sensi dell´articolo 13 del Decreto Legislativo 30 Giugno 2003, n. 196 recante Testo Unico delle disposizioni legislative in materia di tutela delle persone e di altri soggetti rispetto al trattamento dei dati personali (di seguito "Codice"), che le informazioni ed i dati da Lei forniti nella compilazione del modulo elettronico per la segnalazione delle proposte di collaborazione con lo Studio Legale Avvocati Rando Gurrieri Di Martino & Partners, e tramite la trasmissione on-line di un curriculum secondo le procedure previste nella presente sezione del portale saranno oggetto di trattamento nel rispetto delle disposizioni sopra menzionate e degli obblighi di riservatezza che ispirano l´attività dello Studio Legale Avvocati Rando Gurrieri Di Martino & Partners. Per trattamento di dati personali intendiamo qualunque operazione o complesso di operazioni, effettuati anche senza l´ausilio di strumenti elettronici, concernenti la raccolta, la registrazione, l´organizzazione, la conservazione, la consultazione, l´elaborazione, la modificazione, la selezione, l´estrazione, il raffronto, l´utilizzo, l´interconnessione, il blocco, la comunicazione, la diffusione, la cancellazione e la distruzione di dati, anche se non registrati in una banca di dati. Ai sensi dell´articolo 13 del Codice, Le forniamo quindi le seguenti informazioni. Il trattamento che intendiamo effettuare:a) ha le seguenti finalità: ricevere le richieste di collaborazione professionale con lo Studio Legale Avvocati Rando Gurrieri Di Martino & Partners inviate da Avvocati ed altri liberi professionisti, valutare i profili e le possibili collaborazioni potenzialmente attivabili e gestire tutte le fasi connesse (comunicazioni con gli interessati, colloqui).b) sarà effettuato con l´ausilio di strumenti elettronici. In particolare, i CV ricevuti e/o le informazioni inviate tramite la compilazione del modulo elettronico disponibile on-line saranno conservati in un´apposita Banca Dati gestita dal Titolare del trattamento Studio Legale Avvocati Rando Gurrieri Di Martino & Partners. La eventuale stampa dei CV comporterà anche un trattamento di tipo manuale delle informazioni in essi contenute.c) i dati saranno comunicati solo agli Avvocati o ad altri professionisti dello Studio Legale Avvocati Rando Gurrieri Di Martino & Partners ai fini della gestione delle procedure selettive in essere presso lo Studio Legale Avvocati Rando Gurrieri Di Martino & Partners. I Suoi dati non saranno oggetto di diffusione. Ai sensi dell´articolo 13, comma 1, lettera d) La informiamo inoltre circa i soggetti o le categorie di soggetti ai quali i Suoi dati personali potranno essere comunicati o che potranno venirne a conoscenza in qualità di Incaricati del trattamento: Avvocati, personale di segreteria, addetti dell´Amministrazione, tecnici informatici che gestiscono la rete interna dello Studio Legale Avvocati Rando Gurrieri Di Martino & Partners. La informiamo che il conferimento dei dati è facoltativo, ma il loro eventuale mancato conferimento ci renderebbe impossibile dar corso alle procedure di valutazione dei profili professionali ed alle conseguenti attività di selezione del personale. Gli estremi identificativi del Titolare per il trattamento dei dati da Lei forniti sono i seguenti: Avvocato Pietro Gurrieri - Studio Legale Avvocati Rando Gurrieri Di Martino & Partners - Via Falloppia n. 53 Modena, e.mail segreteria@avvocatirandogurrieri.it. I dati saranno conservati presso la sede del Titolare, per i tempi definiti dalla normativa di riferimento. In ogni caso, conserveremo i Suoi dati personali in rapporto alle esigenze di potenziamento della rete di collaborazioni dello Studio Legale Avvocati Rando Gurrieri Di Martino & Partners. Periodicamente, procederemo alla cancellazione dalla Banca Dati di CV per i quali non è più attuale la loro conservazione, anche in base alle Sue segnalazioni che potranno essere inviate senza alcuna formalità alla e-mail prima indicata. La informiamo altresì che tali dati saranno raccolti, trattati e custoditi nel pieno rispetto di quanto previsto dagli articoli 31 e seguenti del Codice della Privacy e dal Disciplinare Tecnico Allegato B al Codice in materia di misure minime di sicurezza. Con riferimento al trattamento di dati sensibili, cioè a quelle informazioni atte a rivelare l´origine razziale ed etnica, le convinzioni religiose, filosofiche o di altro genere, le opinioni politiche, l´adesione a partiti, sindacati, associazioni od organizzazioni a carattere religioso, filosofico, politico o sindacale, nonché i dati personali idonei a rivelare lo stato di salute e la vita sessuale, La informiamo che, ove non necessari, è preferibile evitare l´inserimento nel CV o nel modulo elettronico di tali dati personali. Nel caso sia necessario indicare tali informazioni è necessario esprimere, oltre al consenso generale sul trattamento dei dati personali comuni, anche uno specifico consenso al trattamento dei dati sensibili indicati nel CV o nel modulo elettronico selezionando l´apposita casella della formula di consenso riportata dopo l´Informativa, prima dell´invio delle informazioni. In assenza di consenso al trattamento dei dati sensibili, in base a quanto previsto dalla normativa a tutela dei dati personali, il Titolare del trattamento procederà a cancellare le relative informazioni. Le medesime finalità e modalità del trattamento sopra illustrate saranno applicate anche alle Sue informazioni di natura sensibile, ove indicate, nel pieno rispetto di tutte le norme del Codice della Privacy applicabili a trattamenti di particolare delicatezza. I dati personali saranno altresì trattati nel pieno rispetto delle norme di autoregolamentazione in materia di trattamento dei dati personali contenute nei Codici Deontologici di settore in vigore eventualmente applicabili. Con riferimento all´utilizzo sul portale di tecnologie e/o tecniche per accedere a informazioni archiviate nell´apparecchio terminale di un abbonato o di un utente, per archiviare informazioni o per monitorare le operazioni dell´utente, La informiamo che tale utilizzo avverrà unicamente per scopi legittimi relativi alla memorizzazione tecnica dei dati per il tempo strettamente necessario alla trasmissione della comunicazione o alla fornitura delle risposte da Lei richieste. Le ricordiamo altresì che anche nel caso di operatività di tali sistemi di tracciatura/marcatura della navigazione web, l´utente ha sempre la possibilità di disattivarne il funzionamento modificando le impostazioni del suo browser, ed in ogni caso può opporsi a tale tipo di trattamento comunicandolo al Titolare. Al Titolare del trattamento Lei potrà rivolgersi in qualsiasi momento, senza obblighi formali (via e-mail telefono o fax) oppure utilizzando l´apposito modello predisposto dall´Autorità Garante per la protezione dei dati personali per far valere i Suoi diritti così come previsti dall´articolo 7 del Codice. Con riferimento all´esercizio dei Suoi diritti, La informiamo che le procedure relative all´invio del curriculum tramite la sezione dedicata del nostro portale web prevedono sempre la possibilità di gestione autonoma delle informazioni professionali inviate in precedenza. Ad esempio, Lei avrà sempre la possibilità di accedere a tali informazioni per integrarle, aggiornarle o cancellarle in piena autonomia. 
torna indietro leggi Informativa Privacy  obbligatorio