Se questo sito ti piace, puoi dircelo così

Dimensione carattere: +

Addio Hevrîn, hai lottato per i diritti delle donne, la terra ti sia lieve, la morte non è nulla

Screenshot_20191018-080816_Facebook

​Addio Havrin Xelef, Ti chiamo con il Tuo nome originale, non con quello europeizzato. Si sono celebrati i Tuoi funerali, e, da lontano, dall'altro capo del mondo,  quello tranquillo,  sereno,  comodo, Ti rendo onore. Ti rendo onore per la forza della parola e della scrittura, che come diceva un grande italiano, Paolo Borsellino, è più tagliente della lama affilata un coltello. Ed infatti così ti hanno considerata i tuoi avversari, ai quali non sono mai piaciute le donne, e massimamente quelle combattenti, impegnate per i diritti delle loro sorelle e del loro popolo. Tu hai cercato diritti e democrazia, hai ricevuto in cambio prima le offese, poi lo stupro, quindi le pietre della lapidazione. Ti hanno fatto scendere dalla tua auto, ed è stato l'inferno. Ma Tu sei già nell'empireo delle grandi anime, e come tutti gli eroi, donne ed uomini, il Tuo ricordo sopravviverà nei cuori, nelle braccia di quanti lottano per l'autodeterminazione, per i diritti e per la Libertà in tutte le parti del mondo. Uomini e donne. Istruiti ed analfabeti. Perché tutto possono fermare i maiali ma non le idee. Tutto possono violentare, ma non il coraggio di chi conosce la forza delle proprie ragioni. Addio, Hevrin, dolce sorella, sei più che mai con noi, ed a Te, musulmana, voglio ripetere la celebre frase di un grande cristiano, Agostino: "La morte non è nulla". Addio, la terra Ti sia lieve.

 Hevrîn Xelef con la sua azione ha svolto un ruolo indimenticabile nella rivoluzione delle donne del Rojava e per la comunità dei popoli. È stata giustiziata in un agguato di una banda di assassini jihadisti alleati della Turchia.

Havrin Khalaf, o Hevrîn Xelef, è nata a Dêrik nel 1984. Da bambina è cresciuta in una famiglia impegnata a livello sociale e politico. Quattro dei suoi fratelli e sua sorella Zozan si sono unit* alla lotta di liberazione es sono cadut* nelle file del movimento di liberazione curdo.

Sua madre Sûad ha partecipato a molte assemblea popolari di Abdullah Öcalan. Ciò che lì ha imparato ha avuto anche una grande influenza sull'educazione e sullo sviluppo della personalità di Hevrîn. Dopo che Hevrîn ha completato il suo ciclo scolastico a Dêrik, a Aleppo ha studiato scienze agrarie. Al termine dei suoi studi è tornata a Dêrik. Con l'inizio della rivoluzione in Rojava, Hevrîn ha partecipato alla lotta di liberazione e ai lavori del movimento giovanile. Poco tempo dopo ha iniziato i lavori di organizzazione per la costruzione di strutture della società civile e ha assunto funzioni dirigenti nel consiglio economico di Qamişlo. Con la proclamazione dell'Amministrazione Autonoma, come co-Presidente ha lavorato come responsabile nel comitato per l'energia dell'Amministrazione Democratica nel cantone di Cizîre. Nel 2015 ha svolto un ruolo importante nel migliorare e rafforzare l'approvvigionamento energetico nel cantone di Cizîre.

In questi lavoro la sua attenzione si è rivolta in particolare ai bisogni economici delle donne e allo sviluppo dell'economia delle donne. Nel 2018 Hevrîn ha partecipato al processo di fondazione e costruzione del Partito Futuro della Siria con l'obiettivo di impegnarsi per i bisogno dei gruppi di popolazione e un rinnovamento democratico della Siria. Nella fondazione del Partito Futuro, il 27 marzo 2018 a Raqqa con abnegazione e impegno ha assunto l'incarico di segretaria generale. In un discorso in occasione dell'8° anniversario della rivolta popolare in Siria, Hevrîn ha messo l'accento sulla sua convinzione che la crisi politica in Siria non si può risolvere con la guerra. Ha detto: „Sono passati otto anni. Le rivolte popolari contro la crisi e la lotta dei popoli della Siria sono state condotte con grandi sacrifici e si sono trasformate in una guerra. La fine della perdurante crisi in Siria, motivi per l'espulsione e l'assassinio della popolazione, non è possibile senza una soluzione p politica."

In ciascuno dei suoi interventi, Hevrîn ha sottolineato l'importanza del dialogo tra diverse forze politiche e gruppi di popolazione della Siria. Insisteva sul fatto che i popoli devono determinare da sé il proprio futuro e impostare autonomamente la loro vita politica e sociale. Con la sua battaglia politica Hevrîn invitava tutte le aree della società e gli attori politici a partecipare a una soluzione democratica della crisi in Siria.

Con l'inizio della guerra di occupazione turca contro i territori dell'Amministrazione Autonoma della Siria del Nord e dell'Est il 9 ottobre 2019, Hevrîn continua con determinazione la sua lotta politica. In un agguato di membri di una banda di assassini alleati della Turchia è stata giustiziata in modo mirato.

Hevrîn Xelef con la sua vita e il suo operato ha svolto un ruolo indimenticabile nella rivoluzione delle donne del Rojava e nella comunità dei popoli. Ricordarla significa difendere in modo più determinato che mai la rivoluzione delle donne in Siria del nord e dell'est e ravvivare in tutti i Paesi del Medio Oriente e del mondo la sa scintilla.

Il necrologio di Hevrîn Xelef è stato pubblicato sulla pagina web della campagna „Women Defend Rojava" del movimento delle donne curde Kongreya Star.

Fonte: ANF

 

Tutti gli articoli pubblicati in questo portale possono essere riprodotti, in tutto o in parte, solo a condizione che sia indicata la fonte e sia, in ogni caso, riprodotto il link dell'articolo.

Massimo Cacciari: "La libertà? Soltanto una conget...
All'ex che contragga un mutuo non spetta l'assegno...