Se questo sito ti piace, puoi dircelo così

Dimensione carattere: +

Chi è responsabile in caso di incidente causato da una manovra di sorpasso? La casistica

sorpasso

Inquadramento normativo: Art. 148, D.Lgs. n. 285/19912, Art. 2054 c.c.

Cos'è il sorpasso? Il sorpasso è una manovra con cui un una vettura supera un pedone o un altro veicolo in movimento o fermo sulla corsia o sulla parte di carreggiata destinata alla circolazione.

Comportamento da assumere prima di procedere con il sorpasso: Prima di effettuare la manovra di sorpasso, è necessario accertarsi:

  • che vi sia visibilità in modo da poter effettuare una manovra senza pericolo e intralcio per gli altri utenti;
  • che il veicolo che precede non abbia segnalato di voler compiere la stessa manovra;
  • che il veicolo che segue sulla stessa carreggiata o semicarreggiata non abbia iniziato la manovra in questione;
  • che la strada sia libera per uno spazio tale da consentire la completa esecuzione del sorpasso, tenuto anche conto della differenza tra la propria velocità e quella dell'utente da sorpassare, nonché della presenza di utenti che sopraggiungono dalla direzione contraria o che precedono l'utente da sorpassare.

In punto, si richiama il pacifico orientamento giurisprudenziale, secondo cui "il conducente di un veicolo, nell'accingersi ad un sorpasso - che costituisce manovra pericolosa e complessa - non solo deve attivare la propria attenzione, ma altresì constatare che vi sia spazio libero sufficiente perché detta manovra possa avvenire senza alcun pericolo, dovendo, invece, soprassedere là dove, in relazione alle circostanze contingenti, non abbia la certezza della sussistenza di spazio sufficiente ad escludere ogni possibilità di collisione" (Corte di Cassazione n. 5505/2008, richiamata da Tribunale Nocera Inferiore, sentenza del 7 marzo 2017). 

Comportamento da assumere durante la manovra di sorpasso: Il veicolo che intraprende la manovra di sorpasso, dopo aver segnalato tale intenzione:

  • deve spostarsi sulla sinistra del veicolo che lo precede;
  • deve effettuare la manovra rapidamente;
  • deve mantenere una distanza laterale adeguata dal veicolo che intende superare;
  • non deve creare pericolo o intralcio per gli altri utenti.

Responsabilità in caso di incidente a causa di sorpasso irregolare. Casistica: Nel caso di incidente stradale è stato ritenuto responsabile in via esclusiva il conducente del veicolo che, viaggiando ad una velocità oltre il doppio del limite imposto, ha effettuato una manovra di sorpasso illecita, superando altri veicoli regolarmente incolonnati e procedendo contromano. In tali ipotesi, infatti, se a causa di tale manovra, il conducente di altra vettura, impegnato nell'attraversamento di un incrocio, non avvista la vettura che ha eseguito l'illecito sorpasso e impatta con questa, il contegno del conducente di tale ultima vettura "può essere valutato come causa esclusiva del sinistro, con conseguente superamento della presunzione di concorrente responsabilità sancita dall'art. 2054 c.c." (Cass. 15504/2013, richiamata da Tribunale Crotone, sentenza del 5 febbraio 2018).

Nei casi di sorpasso di autobus e di investimento del pedone che effettua l'attraversamento davanti all'autobus, è stato ritenuto che non è sufficiente la liceità del sorpasso dell'autobus da parte dell'autovettura, nonché la bassa velocità da essa mantenuta in fase di sorpasso. Infatti, in queste ipotesi bisogna tener conto delle specifiche circostanze del caso concreto, ossia:

  • la prevedibilità dell'attraversamento del pedone;
  • nell'ipotesi di detta prevedibilità, se il conducente abbia ridotto la velocità sino a fermarsi.

 E ciò in considerazione del fatto che "l'accertamento di un comportamento colposo del pedone investito da veicolo non è sufficiente per l'affermazione della sua esclusiva responsabilità, essendo pur sempre necessario che l'investitore vinca la presunzione di colpa posta a suo carico dell'art. 2054 c.c., comma 1, dimostrando di avere fatto tutto il possibile per evitare il danno; ai fini di tale dimostrazione non è sufficiente neanche l'anomalia della condotta del pedone, occorrendo che il conducente del veicolo dimostri di avere adottato tutte le cautele esigibili, anche sotto il profilo della velocità di guida mantenuta, in relazione alle circostanze del caso concreto, che la condotta anomala del pedone non fosse ragionevolmente prevedibile, e che quindi il sinistro non fosse in concreto evitabile" (Cass. civ., n. 8663/2017).

Al contrario, è stato ritenuto non prevedibile il comportamento di un motociclista che, sopraggiungendo da tergo in fase di sorpasso irregolare, in quanto vietato, e a velocità non moderata rispetto alla tortuosità del tratto stradale, impatta con una'autovettura in fase di svolta a sinistra. In tali condizioni, è stata considerata imprevedibile la condotta del motociclista perché non si può costringere qualunque conducente di veicoli ad una eccezionale prudenza che potrebbe costituire un intralcio ingiustificato alla circolazione stradale (Tribunale Aosta, sentenza del 9 marzo 2012). Al riguardo, infatti, si fa rilevare che, in giurisprudenza, è pacifico l'orientamento secondo cui, in tema di responsabilità per colpa, si può essere responsabile anche del comportamento imprudente altrui purché questo rientri nel limite della prevedibilità in base alle circostanze del caso concreto (Cass. penale, n. 5691/2016, n. 27513/2017, n. 46818/2014, richiamate da Cass. pen., n. 7664/2018). 

 

Tutti gli articoli pubblicati in questo portale possono essere riprodotti, in tutto o in parte, solo a condizione che sia indicata la fonte e sia, in ogni caso, riprodotto il link dell'articolo.

Interferenza illecita nella vita privata, SC: “In ...
Annullamento di cartella esattoriale: riflessi sul...

Forse potrebbero interessarti anche questi articoli