Se questo sito ti piace, puoi dircelo così

Dimensione carattere: +

Contrasto al contagio Coronavirus: per la ricetta medica basta un numero

comm7

Diverse sono le misure messe in atto al fine di limitare gli spostamenti e ridurre la diffusione del virus Covid-19, anche in ambito sanitario.

Con l'ordinanza n. n. 651 del 19 marzo 2020 da parte del Capo Dipartimento della Protezione Civile, disposta di concerto con il Ministero dell'Economia e delle Finanze e con l'intesa del Presidente della Conferenza delle Regioni e Province autonome, si è introdotta la possibilità per i pazienti di ottenere la "ricetta medica" via email o con messaggio sul telefono o con una semplice comunicazione telefonica, eliminando il promemoria cartaceo per chi si reca in farmacia per le medicine: i cittadini, senza doversi recare prima dal medico, per la prescrizione dei farmaci, potranno presentare al farmacista direttamente il Numero di Ricetta Elettronica.

Si tratta di un'ulteriore misura che non solo dà una forte accelerata alla semplificazione burocratica digitale, rendendo più efficiente tutto il Sistema sanitario nazionale, ma viene anche incontro alla necessità di limitare la circolazione dei cittadini e di arrestare i contagi del nuovo coronavirus, in quanto si evita che la gente esca di casa per andare a ritirare una "ricetta fisica"; si limitano, quindi, gli spostamenti e gli accessi agli studi dei medici di famiglia, riservandoli ai casi di assoluta necessità. 

La ricetta medica dematerializzata è emessa dal dottore del sistema sanitario nazionale o convenzionato, dal medico di famiglia, dal pediatra, dall'ospedale ma anche da medici privati convenzionati, medici specialistici ambulatoriali e dalla guardia medica.

Al momento della creazione della ricetta elettronica da parte del medico prescrittore, si genera in automatico il Numero di Ricetta Elettronica: il paziente – senza più la necessità di ritirare fisicamente, e portare in farmacia, il promemoria cartaceo – potrà chiedere al medico il rilascio del promemoria dematerializzato, ovvero l'acquisizione del Numero di Ricetta Elettronica.

Il Numero di Ricetta Elettronica potrà essere trasmesso dal medico ai propri pazienti attraverso tre, alternative, modalità:

-in allegato a un messaggio di posta elettronica (non come testo compreso nel corpo del messaggio stesso), se l'assistito indichi al medico prescrittore la casella di posta elettronica, sia essa certificata (PEC) o ordinaria (PEO);

- con SMS, Whatsapp o con qualsiasi altra applicazione per telefonia mobile, alla quale risultano registrati sia il medico prescrittore sia l'assistito, che consenta lo scambio di messaggi e immagini, se l'assistito indichi al medico prescrittore il numero di telefono mobile. Nel caso di SMS, il medico prescrittore invia all'assistito un messaggio contenente esclusivamente il Numero di Ricetta Elettronica prescritta; se si utilizza un'applicazione per la telefonia mobile, che consente lo scambio di messaggi e immagini, il medico prescrittore invia all'assistito il Numero di Ricetta Elettronica o l'immagine del codice a barre dello stesso Numero di Ricetta Elettronica.

- tramite comunicazione telefonica da parte del medico prescrittore del Numero di Ricetta Elettronica laddove l'assistito indichi al medesimo medico il numero telefonico. 

I pazienti potranno ritirare i medicinali anche se non hanno attivato il Fascicolo sanitario elettronico (Fse) con la sola trasmissione da parte del medico al cittadino, secondo modalità tra loro concordate, del "Numero ricetta elettronica" (Nre) e mostrando in farmacia il codice fiscale.

Laddove, invece, l'assistito abbia attivato il Fascicolo sanitario elettronico (FSE) la Ricetta elettronica, quale strumento alternativo al promemoria cartaceo, è inserita nel FSE medesimo.

Nella stessa ordinanza vengono disciplinate anche le modalità con cui la farmacia dovrà registrare l'avvenuta erogazione della prescrizione farmaceutica, per le finalità di rendicontazione alla ASL di competenza, nonché tutte le modalità operative per farmacie e ASL per i farmaci distribuiti in modalità diverse dal regime convenzionale e per i medicinali che richiedono un controllo ricorrente dei pazienti. 

 

Tutti gli articoli pubblicati in questo portale possono essere riprodotti, in tutto o in parte, solo a condizione che sia indicata la fonte e sia, in ogni caso, riprodotto il link dell'articolo.

Decreto Cura Italia: sospensione procedimenti e pr...
G.A., Covid 19 e ritardata tutela cautelare per di...