Se questo sito ti piace, puoi dircelo così

Dimensione carattere: +

Da 25.000 euro per tutti a 30.000 euro per tutti

Prescrizione

Mercoledì scorso sono state approvate dalla Camera, in sede di conversione del decreto liquidità - attualmente all'esame del Senato -, importanti modifiche all'art. 13 del D.L. n. 23/2020: è stata estesa la garanzia dello Stato al 100% su finanziamenti fino a 30.000 euro con durata fino a 10 anni e, per le rinegoziazioni di debito, obbligo di erogazione di credito aggiuntivo in misura pari almeno al 25%.

La precedente versione della normativa contenuta nella lett. m) dell'art. 13 comma 1 D.L. n. 23/2020 prevedeva, per i prestiti con garanzia pubblica, che il finanziamento dovesse avere un preammortamento minimo di 24 mesi, una durata massima di 72 mesi e un importo massimo, comunque non superiore a 25.000 euro, pari al 25% dei ricavi del soggetto beneficiario risultanti dall'ultimo bilancio o dall'ultima dichiarazione fiscale presentata alla domanda di garanzia, con possibilità di utilizzare altra idonea documentazione limitata ai beneficiari costituiti dopo il 1° gennaio 2019.

La riscrittura della lett. m), revisionata dal primo passaggio parlamentare, chiarisce anzitutto che tra i soggetti beneficiari rientrano anche le associazioni professionali e le società tra professionisti e non soltanto dunque gli esercenti arti e professioni in forma individuale, nonché gli agenti e subagenti di assicurazione ed anche i broker; inoltre prevede altresì:

- alza da 25.000 a 30.000 euro il tetto massimo del finanziamento;

- sostituisce il parametro unico del 25% dei ricavi risultanti dall'ultimo bilancio depositato o dichiarazione fiscale presentata, con i due parametri di cui ai num. 1) e 2) della lett. c), ossia, alternativamente, il doppio della spesa salariale annua del 2019 o dell'ultimo anno disponibile o il 25% del fatturato 2019;

- consente di ricorrere a idonea documentazione, diversa dall'ultimo bilancio depositato o dichiarazione fiscale presentata - anche mediante autocertificazione -, alla generalità dei beneficiari e non più soltanto a quelli costituiti dopo il 1° gennaio 2019.

Al fine di consentire di beneficiare delle più favorevoli norme in materia di importo massimo e durata del finanziamento, viene altresì inserita una nuova lett. m bis), ai sensi della quale, per i finanziamenti concessi con le garanzie di cui alla lett. m) prima della data di entrata in vigore della legge di conversione del decreto liquidità, i soggetti beneficiari potranno chiedere, con riguardo all'importo finanziato e alla durata, l'adeguamento del finanziamento alle nuove condizioni.

Un altro allargamento delle maglie viene previsto con la possibilità che la garanzia al 100% possa essere rilasciata anche a beneficiari finali che presentano esposizioni classificate prima del 31 gennaio 2020 come inadempienze probabili o esposizioni scadute e/o sconfinanti deteriorate, secondo la Circolare n. 272/2008 di Banca d'Italia, se alla data di richiesta del finanziamento tali esposizioni non sono più classificabili come credito deteriorato ai sensi dell'art. 47-bis del Regolamento UE 26 giugno 2013 n. 575.

Per le operazioni di rinegoziazione del debito di cui alla lett. e), sempre del 1 comma dell'art. 13, non comprese, come accennato, tra quelle per le quali il rilascio delle garanzie può estendersi a beneficiari con le predette esposizioni, le novità consistono invece nel fatto che, per fruire della garanzia pubblica nella misura dell'80% rilasciata dal Fondo PMI, non basta più l'erogazione di credito aggiuntivo in misura pari al 10%, bensì al 25%, fermo restando che tale maggiore percentuale varrà solo per i finanziamenti deliberati in data successiva all'entrata in vigore della legge di conversione del DL 23/2020, mentre fino a tale data continua a valere la regola del 10% di credito aggiuntivo.

Ovviamente non ci aspettiamo un'erogazione immediata ed automatica da banche e confidi vari, ma quanto meno l'allungamento da 72 mesi a 120 mesi del periodo di ammortamento potrà dare maggiore slancio alle aziende che stanno faticosamente tentando di riavviare una normale gestione finanziaria delle risorse.

Meditate contribuenti, meditate. 

 

Tutti gli articoli pubblicati in questo portale possono essere riprodotti, in tutto o in parte, solo a condizione che sia indicata la fonte e sia, in ogni caso, riprodotto il link dell'articolo.

Processo civile: notifica telematica, casella pec ...
Coffee break - Umorismo (non solo) forense

Forse potrebbero interessarti anche questi articoli