Se questo sito ti piace, puoi dircelo così

Dimensione carattere: +

"Vattene via, ci porti malattie". Gli insulti di un gruppo di donne in ospedale a Fara, giovane madre eritrea

Screenshot_20181129-073904_Facebook

 "Ci porta malattie, è inammissibile che sia entrata qui", le hanno urlato delle persone all'ospedale "Maria Paternò Arezzo" di Ragusa dove è ricoverata sua figlia di poche settimane. "Vattene", le hanno gridato in faccia un gruppo di mamme, quando l'hanno vista entrare nel reparto di neonatologia. 

Fara è sbarcata a Pozzallo sabato notte, ha partorito da sola in Libia dopo aver subito uno stupro. La sua storia è stata un simbolo nella giornata contro la violenza sulle donne. Subito dopo l'aggressione è stata portata, assieme alla bambina, in una stanza. La piccola, dopo un aggravarsi delle sue condizioni, mostra segni di miglioramento e prende peso, come riporta l'Agi (Narrazioni differenti)

 

Tutti gli articoli pubblicati in questo portale possono essere riprodotti, in tutto o in parte, solo a condizione che sia indicata la fonte e sia, in ogni caso, riprodotto il link dell'articolo.

"Via le indicazioni in arabo dai corridoi degli os...
Giudizio contro l’Asl e chiamata in causa del medi...