Se questo sito ti piace, puoi dircelo così

Dimensione carattere: +

Il S.C detta i criteri per il riconoscimento del furto con destrezza

cassazione3

  I giudici della Corte di Cassazione ritornano a chiarire in presenza di quali circostanze si può applicare l'aggravante della destrezza della commissione del reato di furto. Con la sentenza emessa dalla Quinta Sezione Penale della Corte del 30 ottobre 2019, n. 44332, i giudici di legittimità hanno stabilito che la circostanza aggravante della destrezza sussiste qualora l'agente abbia posto in essere, prima o durante l'impossessamento del bene mobile altrui, una condotta caratterizzata da particolari abilità, astuzia o avvedutezza ed idonea a sorprendere, attenuare o eludere la sorveglianza del detentore sulla res, non essendo invece sufficiente che egli si limiti ad approfittare di situazioni, non provocate, di disattenzione o di momentaneo allontanamento del detentore medesimo

 I Fatti 

La Corte di Appello di Bologna con la sentenza impugnata avanti il giudice di legittimità, aveva confermato la sentenza emessa del Tribunale di Bologna con la quale l'imputato era stato condannato alla pena di giustizia per il delitto di furto di una borsa lasciata all'interno di un'autovettura, aggravato dalla destrezza.

Avverso la sentenza della corte territoriale veniva proposto dall'imputato condannato ricorso per cassazione a mezzo del suo difensore, chiedendone l'annullamento ed affidandosi ad un unico motivo con il quale denunciava violazione dell'art. 625 c.p., comma 1, n. 4, e contraddittorietà della motivazione.

La difesa del ricorrente rilevava che con la sentenza impugnata la Corte di appello aveva ritenuto sussistente l'aggravante della destrezza pur affermando che la persona offesa non aveva abbandonato la propria borsa, ma l'aveva lasciata all'interno della autovettura mentre era intenta a scaricare i propri bagagli. La motivazione secondo la difesa del ricorrente è da considerare contraddittoria, perchè affermava la sussistenza dell'aggravante della destrezza pur ammettendo che il bene non era vigilato dal detentore.

 Motivi della decisione

I giudici della Quinta Sezione Penale hanno ritenuto fondato il ricorso 1 Il ricorso è fondato in quanto In tema di furto," la circostanza aggravante della destrezza sussiste qualora l'agente abbia posto in essere, prima o durante l'impossessamento del bene mobile altrui, una condotta caratterizzata da particolari abilità, astuzia o avvedutezza ed idonea a sorprendere, attenuare o eludere la sorveglianza del detentore sulla res, non essendo invece sufficiente che egli si limiti ad approfittare di situazioni, non provocate, di disattenzione o di momentaneo allontanamento del detentore medesimo (Sez. U, n. 34090 del 27/04/2017, Quarticelli, Rv. 27008801)".

Nel caso di specie, secondo la ricostruzione dei fatti così come ricostruiti nelle due sentenze di merito, risultai che la momentanea disattenzione della vittima non è stata provocata dall'odierno ricorrente, lo stesso infatti si è limitato ad approfittare della già esistente disattenzione della denunciante che distrattamente aveva lasciato la borsa sul sedile dell'auto mentre era intenta a scaricare i propri bagagli.

Per tali motivi è stata esclusa l'aggravante della destrezza e di conseguenza il reato di furto semplice risultando procedibile a querela e non risultando essere stata sporta, la Corte ha deciso di annullare la sentenza impugnata senza rinvio.

Si allega sentenza

 

Tutti gli articoli pubblicati in questo portale possono essere riprodotti, in tutto o in parte, solo a condizione che sia indicata la fonte e sia, in ogni caso, riprodotto il link dell'articolo.

Cinema Forense - ...E l'uomo creò Satana
Corrado Calabrò, dalla giustizia amministrativa al...

Forse potrebbero interessarti anche questi articoli