Se questo sito ti piace, puoi dircelo così

Dimensione carattere: +

Nuova chance per la Rottamzione ter

COMM8

Per i ritardatari, per gli indecisi o per chi non avesse avuto la possibilità di presentare la richiesta, con l'emendamento al Decreto crescita è stata prevista una proroga per la "rottamazione ter" e "saldo e stralcio" al 31/07/2019. Inoltre le domande presentate dopo il 30 aprile 2019 sono valide.

Con la riapertura, il debitore di una cartella compresa nel periodo tra il 2000 e il 2017 entro il 31 luglio prossimo potrà presentare all'agente della riscossione domanda di adesione alla definizione agevolata delle cartelle con il pagamento solo di imposte e contributi senza sanzioni e interessi.

Sarà possibile pagare in diciotto rate spalmate in cinque anni, con due scadenze all'anno da ricordare nel 2019 e quattro a partire dal 2020 e fino al 2023.

Nel corso della conversione in legge del DL semplificazioni 2019 sono stati riammessi alla rottamazione delle cartelle anche coloro che non avevano regolarizzato i versamenti delle rate della rottamazione bis entro il 7 dicembre. In tal caso cambiano le scadenze per il pagamento delle rate, che passano da 18 a 10.

I contribuenti con ISEE fino a 20.000 euro potranno contare sullo stralcio parziale del proprio debito, con tre diverse aliquote applicate in base alla propria situazione economia

ISEE fino a 8.500 euro: si versa il 16% della somma originariamente dovuta;

ISEE fra 8.500 e 12.500 euro: si paga il 20%;

ISEE sopra i 12.500 euro (entro 20.000 euro): si paga il 35%. 

In caso di diniego dell'accesso al saldo e stralcio in base all'ISEE, l'Ente di Riscossione avverte il debitore che i debiti inseriti nella dichiarazione sono automaticamente inclusi nella rottamazione ter. Il pagamento in tal caso sarà pari al totale del debito, al netto di sanzioni e interessi.

La dichiarazione di adesione può essere presentata attraverso le seguenti modalità:

  • telematica;
  • presso gli sportelli dell'Agenzia di Riscossione

Si ricorda che oltre a questa proroga, rimane ancora tempo alle amministrazioni comunali per deliberare sulla rottamazione dei tributi locali e, pertanto si prevedono mesi "caldi" per i contribuenti considerando che fra trenta giorni ricade la stangata dell'imu e della tasi.

 

Tutti gli articoli pubblicati in questo portale possono essere riprodotti, in tutto o in parte, solo a condizione che sia indicata la fonte e sia, in ogni caso, riprodotto il link dell'articolo.

Genitori separati: non si coinvolge il figlio nel ...
Assegni familiari: incidono nella determinazione d...