Se questo sito ti piace, puoi dircelo così

Dimensione carattere: +

Piera Aiello, lettera a Giovanni Impastato: "Mi hai cacciato ma Peppino è di tutti come Rita"

Screenshot_20190511-172534_Chrome

"Prima mi inviti e poi mi cacci via...". È una lettera lunga e accurata quella scritta a Giovanni Impastato, fratello di Peppino ed  organizzatore della tradizionale manifestazione ricordo a Cinisi, del 9 maggio, dalla parlamentare del MoVimento 5 Stelle, cacciata dalla manifestazione assieme ai colleghi Mario Michele Giarrusso e Roberta Schillaci, perchè "Siete al governo con i fascisti, qui non potete stare".

"Pochi mesi fa quando siamo stati insieme a Rosarno per il premio nazionale 'Valarioti Impastato', mi hai invitato a ricordare tuo fratello, così come ho sempre fatto da quel lontano giorno che mamma Felicia mi donò un garofano rosso. Chi ti ha riferito tutto quello che hai dichiarato ai giornali, ti ha strumentalizzato. Ti hanno raccontato che mi ero portata le telecamere per fare campagna elettorale. Falso, sono giornalisti e registi che stanno facendo un docufilm sulla mia vita e volevano vedere e far toccare con mano al popolo francese che la Sicilia non è quella dei vari film come 'Il Padrino', ma la vera Sicilia è quella che si ribella, quella di Peppino, Rita, tua, mia e di tanti siciliani onesti; quale migliore occasione invitarli a Cinisi e Partanna, dove tra l'altro dovevi esserci così come promesso mesi fa in Calabria?".

 "Hai dato modo di gioire ai mafiosi con il tuo compostamente aggressivo e avvallando il delirio di Umberto Santino; vorrei ricordarti che non sono io il tuo nemico, non lo è neanche il M5S di cui mi onoro di far parte, ma apri gli occhi, non sono io a essere strumentalizzata". 

"Peppino, Rita non sono i nostri. Sono di tutti! Peppino e Rita non hanno colore politico, sono morti perché credevano nella verità e nella giustizia anche se avevano il padre mafioso! Volevo farti sapere come la pensavo, spero di non ricevere altri inviti solo per essere il capo espiatorio per partiti che predicano bene e razzolano male e non fanno contratti di governo, ma accordi sottobanco". 

 

Tutti gli articoli pubblicati in questo portale possono essere riprodotti, in tutto o in parte, solo a condizione che sia indicata la fonte e sia, in ogni caso, riprodotto il link dell'articolo.

La danza di Alessandra, tra tumore e flamenco
La gioia dei superpoliziotti che hanno preso il ki...