Se questo sito ti piace, puoi dircelo così

Dimensione carattere: +

Processo civile: quando il giudice valuta le prove secondo il suo prudente apprezzamento?

prove-prudente-apprezzamento

Inquadramento normativo: Art. 116 c.p.c.

La valutazione delle prove secondo il prudente apprezzamento del giudice: Il giudice può valutare secondo il suo prudente apprezzamento le prove per le quali la legge non disponga altrimenti. In buona sostanza il giudice può valutare secondo prudente apprezzamento una prova o una risultanza probatoria che non è soggetta a un diverso regime (Cass., nn. 1189/2016 e 16598/2016, richiamate da Cass. civ., n. 28693/2019). Ne consegue che si avrà violazione di tale principio qualora «il giudice di merito disattenda, valutandole secondo il suo prudente apprezzamento, le prove legali, ovvero consideri come facenti piena prova, recependoli senza apprezzamento critico, elementi di prova che invece siano soggetti a valutazione» (Cass., n. 27000/2016, richiamata da Cass. civ. Sez. lavoro, n. 13420/2019).

Quali sono le prove valutabili secondo il prudente apprezzamento del giudice? Sono suscettibili di libera valutazione, salvo che non abbiano natura di prova legale, tutti gli elementi probatori acquisiti nel corso del processo, che il giudice li ritiene i) sufficienti per la decisione e ii) di valore preminente tanto da escludere implicitamente gli altri mezzi istruttori richiesti dalle parti (Cass., S.U., n. 898/1999, richiamata da Tribunale Nola, sentenza 1 ottobre 2019). E ciò in considerazione del fatto che, «in tema di valutazione delle prove, nel nostro ordinamento, fondato sul principio del libero convincimento del giudice, non esiste una gerarchia di efficacia delle prove, per cui i risultati di talune di esse debbano necessariamente prevalere nei confronti di altri dati probatori, essendo rimessa la valutazione delle prove al prudente apprezzamento del giudice. 

Con l'ovvia conseguenza che il convincimento del giudice sulla verità di un fatto può basarsi anche su una presunzione, eventualmente in contrasto con altre prove acquisite, se da lui ritenuta di tale precisione e gravità da rendere inattendibili gli altri elementi di giudizio a esso contrari» (Cass., n. 9245/2007, richiamata da Tribunale Nola, sentenza 1 ottobre 2019). In punto, pertanto, è stato ritenuto che sono suscettibili del prudente apprezzamento del giudice:

  • la documentazione relativa a un incidente probatorio svoltosi in un procedimento penale nel pieno contraddittorio delle parti (Cass. Civ., S.U., nn. 916/1996, 466771998, 8/2000, 1133/2000, Cass. Civ., n. 5440/2010, richiamate da Corte d'Appello Venezia, sentenza 11 ottobre 2019);
  • le risultanze derivanti dagli atti delle indagini preliminari svolte in sede penale, così come le dichiarazioni verbalizzate dagli organi di polizia giudiziaria in sede di sommarie informazioni testimoniali, considerate, queste, come prove atipiche (Cass. Civ., nn, 1593/2017, 18025/2019, richiamate da Tribunale Udine, sentenza 24 agosto 2019);
  • nel processo del lavoro, «il rapporto ispettivo dei funzionari dell'ente previdenziale che, pur non facendo piena prova fino a querela di falso, è attendibile fino a prova contraria, quando esprime gli elementi da cui trae origine». In questi casi, tuttavia, tale rapporto è liberamente valutabile dal giudice in concorso con gli altri elementi probatori (Cass., n. 12108/2010, richiamata da Tribunale Roma Sez. Lavoro, sentenza 1 ottobre 2019);
  •  la busta paga che manca di indicazioni chiare e non contraddittorie e da cui emergono altri fatti tendenti a estinguere gli effetti del credito del lavoratore riconosciuto nel documento (come ad esempio l'indicazione di un controcredito del datore di lavoro per risarcimento del danno). In quest'ipotesi la libera valutazione del giudice si estenderà al complesso dei fatti esposti nel documento (Tribunale Velletri Sez. lavoro, sentenza 24 settembre 2019);
  • le prove atipiche raccolte in un altro giudizio intercorso tra le stesse parti o altre parti. In tali casi, tuttavia, il giudice deve fornire adeguata motivazione della relativa utilizzazione, senza che rilevi la divergenza delle regole, proprie di quel procedimento, relative all'ammissione e all'assunzione della prova (Cass., n. 25067/2018, richiamata da Corte d'Appello Genova Sez. lavoro, sentenza 5 luglio 2019).

Le prove valutate secondo il prudente apprezzamento del giudice e l'insindacabilità in sede di legittimità: «Il principio del libero convincimento [...] opera interamente sul piano dell'apprezzamento di merito, insindacabile in sede di legittimità». Ne consegue che se il giudice viola tale principio, tale violazione costituisce un errore di fatto, che deve essere censurato attraverso il corretto paradigma normativo del difetto di motivazione (Cass., n., 23940/2017, richiamata da Cass. civ., n. 23121/2019).

 

Tutti gli articoli pubblicati in questo portale possono essere riprodotti, in tutto o in parte, solo a condizione che sia indicata la fonte e sia, in ogni caso, riprodotto il link dell'articolo.

Veranda: non occorre il permesso di costruire se h...
Impossibile difendere dopo dieci anni, è una Giust...

Forse potrebbero interessarti anche questi articoli