Se questo sito ti piace, puoi dircelo così

Dimensione carattere: +

"Riforma del processo al prossimo Cdm". L'annuncio del ministro: "Faremo così, attesa è finita"

Screenshot_20190428-070947_Facebook

La riforma della giustizia non è più rimandabile. I risultati dello "scoreboard" della commissione europea sulla situazione della Giustizia nei Paesi membri , anche se riferito a dati del 2017, non ci coglie di sorpresa: ci mostra quelli che sono stati i mali endemici della nostra Giustizia, per troppo tempo rimasta impantanata nella polemica politica. 

Noi, quei problemi, li stiamo risolvendo e ora dobbiamo procedere con la riforma del processo.

Abbiamo fatto investimenti senza precedenti nel personale, nell'edilizia e nella digitalizzazione. 

Avremo finalmente un processo moderno ed efficiente in tempi brevi. Siamo intervenuti con la legge spazzacorrotti e altre leggi per ristabilire il principio della certezza della pena: oggi, chi sbaglia paga! E stiamo anche investendo sui percorsi di lavoro rieducativi dei detenuti. 

Adesso manca solo la riforma del processo.

I testi sono pronti da tempo e sono il risultato dei tavoli tecnici tenuti al ministero con avvocati e magistrati. 

Una riforma che, nel settore civile, proprio quello preso in considerazione dal rapporto della Commissione europea, punta a dimezzare i tempi dei processi. 

Sono sempre stato a favore del confronto politico, anche franco e schietto: come ho già detto, anche in assenza di ulteriori incontri, al prossimo CDM utile potremo approvare la riforma per dimezzare i tempi del processo. I cittadini e le imprese non possono più attendere. Non c'è più tempo da perdere.

 

Tutti gli articoli pubblicati in questo portale possono essere riprodotti, in tutto o in parte, solo a condizione che sia indicata la fonte e sia, in ogni caso, riprodotto il link dell'articolo.

"Formigoni libero, non ha commesso reati", petizio...
Greta ha sfidato la scuola e tutti noi