Se questo sito ti piace, puoi dircelo così

Dimensione carattere: +

23 giugno 1992, Paolo tra le fiaccole ricorda Falcone: "La sua vita un atto d'amore" - VIDEO

Screenshot_20190623-102822_Chrome

23 giugno 1992, è il trigesimo della grande strage di Capaci. In una Palermo ancora attonita, scossa, colpita a morte,  gli amici di Giovanni, di Francesca, degli altri martiri si danno appuntamento, la sera,  alla luce delle fiaccole,  per ricordare i loro morti. Ad un certo punto prende la parola l'amico più grande, Paolo Borsellino, che interviene, con voce ferma e pure rotta dalla commozione, e pronuncia il discorso, forse, che rimarrà il più bello della storia dell'antimafia e di cui proponiamo il video integrale. Non parla di politica, di magistrati, di nulla. Parla di Giovanni e del suo amore, del suo amore per la Repubblica e per Palermo.  "Perché non è fuggito, perché ha accettato questa tremenda situazione... per amore. La sua vita è stata un atto d'amore verso questa città, verso questa terra che lo ha generato. Perché se l'amore è soprattutto ed essenzialmente dare, per lui, amare Palermo e la sua gente ha avuto e ha il significato di dare a questa terra qualcosa, tutto ciò che era possibile dare delle nostre forze morali, intellettuali e professionali per rendere migliore questa città e la patria a cui essa appartiene. Sono morti tutti per noi,per gli ingiusti, abbiamo un grande debito verso di loro e dobbiamo pagarlo, continuando la loro opera...dimostrando a noi stessi e al mondo che Falcone è vivo".

 

Tutti gli articoli pubblicati in questo portale possono essere riprodotti, in tutto o in parte, solo a condizione che sia indicata la fonte e sia, in ogni caso, riprodotto il link dell'articolo.

Scuola e procedura assunzionale per chiamata: il d...
Diritto d’uso esclusivo su parti comuni in condomì...