Le pieghe delle Toghe: giudici, giuristi e avvocati nel '900

Se questo sito ti piace, puoi dircelo così

Umberto Apice, il giudice romanziere, autore di "Attacco al cuore"

Vincenzo Zeno-Zencovich: i bizzarri casi dell'avvocato Perelà

Giuseppe Lo Schiavo, dalla "Piccola Pretura" alla Suprema Corte

Mino Martinazzoli, avvocato, politico e scrittore

Luigi Condemi, giudice con il 'pallino' della scrittura: "La bella alla finestra e la bella alla porta"

Mauro Mellini, un avvocato radicale in Parlamento, e la lesa maestà

Franco Bartolomei, avvocato e giurista

Francesco Carnelutti: avvocato e illustre giurista

 Francesco Camelutti (Udine 1879-Milano 1965), avvocato e giureconsulto, autore,  di una serie di opere nel campo del diritto processuale civile e penale, della teoria generale del diritto oltre che di numerosi saggi di estremo  valore letterario, tra cui La stradaedita da Tumminelli, Roma, 1941; Meditazioni, 1942; Tempo perso, 3 voll., Elli Fabbri Editori, Milano  1955; Le miserie del processo penaleEdizioni Radio Italiana, Torino 1957. Vita di avvocato, ERI~Edizioni Rai, Torino 1961.


da: La strada, Tumminelli & C. Editori, Roma-Milano 1941.

LA STRADA

A un certo momento della vita ognuno parte per il suo viaggio. La mia partenza è stata quando mi sono iscritto all'università.

Chi sa dove vuole andare; chi s'avvia come un vagabondo. Chi resta di qua dalla meta; chi la raggiunge; chi la oltrepassa. Fino a un certo punto io ho seguito il cammino previsto; poi qualcuno mi ha preso per mano e sono andato oltre.

Era un punto pericoloso; dopo i cinquant'anni. Finché si sale pare che la strada non abbia fine; poi ti s'affaccia il fondo e puoi anche disperare. A questo punto qualcuno m'ha preso per mano. Ora so che quel discendere è l'inganno d'un gioco di luci e, invece, la strada continua a salire. Pensandoci, sento suonare le campane, come quando ero innamorato. Ora tutto è chiaro e la strada percorsa si snoda dietro a me come dal passo del Pordoi verso Arabba.

Questa strada Mio fratello Daniele l'ha appena segnata; e con un disegno piuttosto sentimentale. Restano molte cose da spiegare. Perché il protagonista di quel libro si chiami X pochi hanno mostrato di capire. X, in algebra, è l`espressione di un`incognita. Io non mi sono voluto nascondere; solo ho voluto dire che vi è in me molto ancora di nascosto. Qualcosa ho cercato di scoprire; ma ho appena cominciato. Quella è stata un'inquadratura d'ambiente, più che altro. Mette conto di seguitare? È questione di sapere per chi e perché.

Marco Ramat, magistrato, fondatore di Magistratura Democratica

Domenico Peretti: "Elogio degli avvocati scritto da un giudice"

Dante Troisi (magistrato e scrittore): "Diario di un giudice"

Corrado Calabrò: magistrato, scrittore e poeta

Bruno Cicognani, avvocato e scrittore, "Fin tanto ch'ero bambino" da "Gente di conoscenza"

Bruno Cassinelli: avvocato

Arturo Carlo Jemolo, giurista e storico: "Quegli anni di prova"

Alfredo De Marsico, l'avvocato condannato a morte: "Il sole tramonta su questa Corte d'Assise"

Alfonso Favino, morto con la Toga addosso al Tribunale di Roma. Il nostro omaggio

Alessandro Garrone: " Le udienze sono ricominciate"

Aldo Casalinuovo (avvocato): "Frammenti di Vita"

Aldo Casalinuovo: avvocato

Aldo Casalinuovo avvocato giurista