Se questo sito ti piace, puoi dircelo così

Canone Rai: modelli e procedure per chiederne l’esenzione e il rimborso

  Inquadramento normativo: R.D.L. n. 246 del 21.02.1938 Canone Rai: si tratta di un'imposta dovuta per la detenzione di un " uno o più apparecchi atti o adattabili alla ricezione dei programmi te...

Adozione misure antisismiche e responsabilità condominiali

Assicurazione di condominio:obbligatoria o facoltativa?

S.C. Plusvalenza cessione terreno edificabile - Accertamento Imposta di registro definito dal contribuente - Accertamento Prezzo di cessione ai fini IRPEF: non rileva. Onere dell’ufficio di dimostrare il maggior prezzo incassato.

Spese condominiali:ripartizione tra locatore e conduttore

Incrementi patrimoniali e accertamento sintetico

Pugno duro della Cassazione: è reato esporre al sole le confezioni di acqua minerale destinate alla vendita

S.C.: Mancata comunicazione avvenuta iscrizione ipotecaria - Conoscenza ipoteca acquisita informalmente - Termini per la presentazione del ricorso, non decorrono.

Telefonia mobile:canoni e tributi degli Enti locali

Riciclaggio: denaro non sequestrabile se manca la prova del reato presupposto

Parcheggio disabili, obbligazione di risultato: il Comune deve fare tutto il necessario per assicurare effettiva fruizione

S.C.: Notifica - Tempestività della notifica - Prova di resistenza - Elenco raccomandate predisposte dall’A.F. insufficiente senza timbro a secco di accettazione dell'ufficio postale.

S.C.: Presunzione distribuzione utili ristretta base azionaria, recesso del socio nel corso del periodo d’imposta - Illegittimità accertamento.

Agevolazioni fiscali per bonus verde

Omessa presentazione dichiarazione IVA - Legittimità compensazione credito IVA.

Venditore ambulante "petulante" rischia condanna per molestie

SC: Diritto al riconoscimento delle ritenuta anche senza certificazione del sostituto.

Contratto a canone concordato: caratteristiche ed agevolazioni fiscali

  Inquadramento normativo: art. 2 commi 3-5, art. 4 e 5 legge n. 431/1998, D.M. 16 gennaio 2017. Cosa è: un tipo di contratto di locazione nel quale le parti possono definire il valore del canone...

Commette estorsione il parcheggiatore abusivo che minaccia l'automobilista

Azioni esecutive contro gli enti in dissesto: rileva la data dei fatti da cui origina il credito

 Con la sentenza n. 1245/2018 la Sezione Prima del T.A.R. Sicilia – Catania ha analiticamente illustrato la normativa di settore, ripercorrendo la sua interpretazione giurisprudenziale formatasi negli ultimi anni, superandola, e giungendo alla conclusione per cui è ammissibile il giudizio di ottemperanza contro gli enti in stato di dissesto soltanto: a) in relazione a provvedimenti giurisdizionali afferenti a fatti di gestione accaduti dopo il 31 dicembre dell'ultimo esercizio in cui fu approvato il bilancio dell'ente poi dichiarato in dissesto; b) in relazione a provvedimenti giurisdizionali rispetto ai quali non si dia luogo ad azioni esecutive "pure".

I fatti di causa: la Ditta ricorrente ha introdotto un giudizio di ottemperanza contro il Comune debitore di una somma di denaro dovuta per l'esecuzione di lavori edili, come accertato con sentenza del 2017, notificata con formula esecutiva e passata in giudicato nel medesimo anno.

La stessa Ditta ha evidenziato in ricorso che non rileva, nel caso di specie, che l'ente debitore sia stato dichiarato in stato di dissesto finanziario, poiché ciò era accaduto tramite deliberazione del Consiglio del 2014, ovverosia in data antecedente alla formazione del titolo esecutivo, invocando a tale riguardo la favorevole interpretazione del Consiglio di Stato secondo la quale "i crediti derivanti da sentenze passate in giudicato in epoca successiva alla dichiarazione di dissesto dell'ente locale non entrano nella massa passiva della procedura di liquidazione straordinaria anche se il fatto genetico dell'obbligazione è anteriore alla dichiarazione, ma seguono le ordinarie procedure di liquidazione dei debiti dell'ente locale" (Consiglio di Stato, n. 3232/2013).

Il Comune debitore non si è costituito in giudizio; il ricorso è stato dichiarato inammissibile per i seguenti motivi.