Se questo sito ti piace, puoi dircelo così

Alunni disabili: la scuola deve garantire ore di sostegno indicate dal GLOH e docente specializzato

Adolphe Ferrière, il fondamento psicologico della scuola

Scuola: robot, coding e pensiero computazionale alleati dell’insegnante

Principio del collegio perfetto: non è violato se all'attività valutativa partecipa un docente sostituto

Maria Boschetti Alberti e il diario di Muzzano: "Lo zio Pep"

Docenti: la mancanza di percorsi abilitanti non è motivo di iscrizione nelle graduatorie di II fascia

Célestin Freinet, il teorico della pedagogia popolare: "Le mie tecniche"

Domanda mobilità docenti: se non è accolta, sì all'accesso agli atti a discapito della riservatezza

"Tutti i bambini sappiano leggere e a scrivere..." Johann Pestalozzi, l'appello ai filantropi per una scuola per i poveri

John Dewey: "Come si diventa un professionista"

A scuola vanno in scena le emozioni

 Puntuali come il pandoro e il panettone sugli scaffali dei supermercati, in prossimità delle Feste natalizie arrivano le consuete polemiche sulla presenza di simboli della tradizione a scuola. Con pretesti vari, ecco che sotto accusa finiscono il Presepe e perfino le canzoncine della recita. Ebbene sì, dicembre è da sempre tempo di recite scolastiche, un periodo dell'anno in cui la creatività e le emozioni hanno più spazio, dunque una potenziale preziosa occasione di crescita e condivisione per tutti: alunni, insegnanti e famiglie. Chi non ne ricorda almeno una?

Non semplici rappresentazioni, ma concentrati di apprensione e lacrime trattenute a stento che nel corso degli anni ho vissuto da mamma e da insegnante. Preparare insieme uno spettacolo promuove il senso di appartenenza al gruppo e facilita l'interazione tra compagni. Un'occasione per valorizzare risorse e specificità di ciascun bambino individuandone il ruolo, le modalità e il canale comunicativo più consoni per esprimersi e contribuire alla buona riuscita del lavoro di gruppo, con una cura particolare per gli alunni con disabilità o bisogni educativi speciali, perché ciascun bambino è speciale e unico e il palcoscenico può diventare un'opportunità per far emergere parti di sé che rimangono in ombra durante la routine scolastica. Preparare una recita ed esibirsi è un'esperienza emotivamente coinvolgente: c'è una platea composta da un pubblico speciale! 

Docente universitario: sì al collocamento obbligatorio se ricopre cariche pubbliche

John Dewey: "Cos'è l'educazione?"

I nostri studenti non sanno leggere?

Scuola, bullismo: in assenza di misure contro tale fenomeno, giustificabile la reazione della vittima

Edith Stein, tra Fenomenologia e Cristianesimo

Giuseppe Lombardo Radice: "I bambini che non sentono gli adulti coerenti si perdono"

Bocciatura e suicidio alunno minorenne: la scuola non è responsabile se manca di avvisare i genitori

La fondatrice della scuola materna, Rosa Agazzi: "Ordine e libertà il mio metodo"

A Robbio la scuola incontra il territorio Dobbiamo crescere generazioni in grado di avviare il cambio culturale, partendo proprio dalla scuola