Se questo sito ti piace, puoi dircelo così

Imu. Un anno di tempo per pagare.

Arriva anche il condono per i tributi comunali

Gli arretrati ICI sono dovuti dalla Chiesa - L’esenzione IMU non è aiuto di Stato

Consiglio di Stato: Legittima l’obbligatorietà del badge per gli avvocati pubblici

S.C. Plusvalenza cessione terreno edificabile - Accertamento Imposta di registro definito dal contribuente - Accertamento Prezzo di cessione ai fini IRPEF: non rileva. Onere dell’ufficio di dimostrare il maggior prezzo incassato.

Telefonia mobile:canoni e tributi degli Enti locali

S.C.: Notifica - Tempestività della notifica - Prova di resistenza - Elenco raccomandate predisposte dall’A.F. insufficiente senza timbro a secco di accettazione dell'ufficio postale.

Imposta di soggiorno: maneggiare con cura

Violazione delle distanze minime tra edifici e in ambito condominiale

Omessa presentazione dichiarazione IVA - Legittimità compensazione credito IVA.

E’ arrivato un accertamento per tributi locali: cosa fare?

Cosap, Tosap, Canone di occupazione non ricognitorio – Come ti monetizzo il territorio

Ordinanze sindacali contingibili e urgenti: presupposti e requisiti

Equilibrio e assestamento. I bilanci degli enti locali

E' già tempo per gli Enti Locali di verificare se le previsioni di bilancio appena approvati (31 marzo 2018 per gli Enti virtuosi) , trovano ancora corrispondenza e si legittimano alla luce dei fatti di gestione di metà anno, che hanno quasi sicuramente messo in crisi le previsioni iniziali.

Come previsto dell'art. 175, c. 8 e dall'art. 193, c.2 del TUEL, il 31 Luglio rappresenta dunque la scadenza per l'Assestamento di Bilancio Enti Locali 2018. Alla scadenza si prevede che gli enti locali garantiscano in fase previsionale, durante la gestione e in occasione delle successive variazioni di bilancio, il mantenimento degli equilibri in termini di competenza e di cassa.

Non è altro che un maquillage del bilancio di previsione approvato qualche mese prima, tenendo conto di nuovi fatti ed accadimenti che hanno, o potranno, incidere sui saldi di bilancio dell'Ente. A titolo esemplificativo e non sicuramente esaustivo si devono stanziare nel bilancio i risultati dei bilanci delle partecipate, si devono inserire e/o rivedere gli stanziamenti in bilancio delle entrate alla luce della riscossione raggiunta, devono implementarsi i fondi rischi, devono infine trovare spazi finanziari le eventuali maggiori spese previste. 

Contratto a canone concordato: caratteristiche ed agevolazioni fiscali

  Inquadramento normativo: art. 2 commi 3-5, art. 4 e 5 legge n. 431/1998, D.M. 16 gennaio 2017. Cosa è: un tipo di contratto di locazione nel quale le parti possono definire il valore del canone...

Azioni esecutive contro gli enti in dissesto: rileva la data dei fatti da cui origina il credito

 Con la sentenza n. 1245/2018 la Sezione Prima del T.A.R. Sicilia – Catania ha analiticamente illustrato la normativa di settore, ripercorrendo la sua interpretazione giurisprudenziale formatasi negli ultimi anni, superandola, e giungendo alla conclusione per cui è ammissibile il giudizio di ottemperanza contro gli enti in stato di dissesto soltanto: a) in relazione a provvedimenti giurisdizionali afferenti a fatti di gestione accaduti dopo il 31 dicembre dell'ultimo esercizio in cui fu approvato il bilancio dell'ente poi dichiarato in dissesto; b) in relazione a provvedimenti giurisdizionali rispetto ai quali non si dia luogo ad azioni esecutive "pure".

I fatti di causa: la Ditta ricorrente ha introdotto un giudizio di ottemperanza contro il Comune debitore di una somma di denaro dovuta per l'esecuzione di lavori edili, come accertato con sentenza del 2017, notificata con formula esecutiva e passata in giudicato nel medesimo anno.

La stessa Ditta ha evidenziato in ricorso che non rileva, nel caso di specie, che l'ente debitore sia stato dichiarato in stato di dissesto finanziario, poiché ciò era accaduto tramite deliberazione del Consiglio del 2014, ovverosia in data antecedente alla formazione del titolo esecutivo, invocando a tale riguardo la favorevole interpretazione del Consiglio di Stato secondo la quale "i crediti derivanti da sentenze passate in giudicato in epoca successiva alla dichiarazione di dissesto dell'ente locale non entrano nella massa passiva della procedura di liquidazione straordinaria anche se il fatto genetico dell'obbligazione è anteriore alla dichiarazione, ma seguono le ordinarie procedure di liquidazione dei debiti dell'ente locale" (Consiglio di Stato, n. 3232/2013).

Il Comune debitore non si è costituito in giudizio; il ricorso è stato dichiarato inammissibile per i seguenti motivi.

Cassazione: peculato per l'albergatore che versa in ritardo imposta soggiorno

Spazzatura (TARI) – Un anno di tempo per pagare

Notifica atto tributario tramite consegna ad un familiare del destinatario

Notifica a familiare convivente: Raccomandata informativa necessaria.