Salve, se questo sito ti piace, unisciti agli oltre 50mila che lo seguono con un clic sul Mi piace 👇 e accederai ai contenuti che da novembre possono visualizzare i soli followers.

Il richiamo di Gherardo Colombo: "Non condivido intervento su prescrizione, processo non deve eccedere termini ragionevoli".

  751 Visite
751 Visite

Nino Di Matteo: "Noi, circondati dal silenzio e dal divieto di denunciare quel patto tra Stato e mafia"

  124 Visite
124 Visite

Corleone, la strada di casa Riina intitolata al giudice Terranova

  120 Visite
120 Visite

De Raho: "Imprese si spartiscono appalti, subito una banca dati per monitorare comportamenti"

  67 Visite
67 Visite

Come ti truffo in nome del popolo italiano - seconda parte

  Ogni tanto si scopre che qualche magistrato salta la barricata e piuttosto che incrementare il numero delle sentenze cerca il modo di incrementare il volume del suo portafoglio. Tempo addietro a Firenze un giudice che si occupava prevalentemente di fallimenti non disdegnava di far parte di un comitato d'affari che ruotava attorno al tribunale toscano per pilotare l'affidamento di curatele e perizie. Quello che sbalordisce sono i numeri dell'inchiesta: 200 i capi di imputazione e una memoria del pubblico ministero di 2750 pagine! L'accusa: corruzione, peculato, abuso d'ufficio, falso, interesse privato in procedure concorsuali e concorso in bancarotta. Pesante la condanna richiesta:13 anni di reclusione; ancora più pesante quella inflitta: 15 anni. Tra i vari episodi contestati, uno appare particolarmente curioso e viene inesorabilmente descritto nei capi di imputazione: da un fallimento vennero prelevati un lavandino e un cesso poi trasportati a Rosano nella casa in via di ristrutturazione del giudice. Una magistrata calabrese è stata invece condannata a 14 anni e mezzo di reclusione per avere agito in maniera esattamente opposta di come avrebbe dovuto fare chi amministra giustizia. Tanto per cominciare percepiva finanziamenti dallo Stato per quasi cinque milioni di euro mediante carte false per la realizzazione di un villaggio turistico, gestito da una società della quale era socia occulta, ma non disdegnava all'occorrenza di essere remunerata in natura. Implacabile il capo di imputazione, nel quale parlava di diversi litri di olio, un agnellino e non meglio specificate derrate alimentari che introduceva furtivamente nel cofano della sua Micra, per come attestato dai poliziotti appostati nei paraggi. Per non 'abusare' del telefono cellulare in dotazione (e pagato dallo Stato), la Nostra usava schede intestate alla propria cameriera per contattare avvocati, politici e tecnici o farsi chiamare direttamente dalle parti processuali. Da una delle telefonate intercettate risulta un miserabile spaccato di debolezza umana, ma anche di odiosa insolenza, inesorabilmente incisa nei nastri: Dottoressa, vuole würstel e salciccia? E come li vuole i würstel, piccoli o grandi? Anche quando non si occupava di fallimenti, ma di misure di prevenzione, la giudice non disdegnava piccoli sotterfugi, quali per esempio fissare per l'ultimo giorno utile l'udienza di convalida di un sequestro, disponendo la notifica all'interessato presso il suo domicilio ben sapendo che lo stesso era detenuto e facendo così venire meno per un vizio di forma la validità della notifica e il conseguente sequestro.

  113 Visite
113 Visite

Testo unico in materia di immigrazione: art. 12 co. 3 aggravante o reato autonomo?

  216 Visite
216 Visite

Come ti truffo... in nome del popolo italiano - prima parte

  88 Visite
88 Visite

“Giovani studenti lavoro”

  101 Visite
101 Visite

Beppe Fiorello a Mimmo Lucano: "Ti conosco come pochi, il tempo ti darà ragione. Hai pagato con il carcere per salvare una ragazza che ora sarebbe morta, so che non hai preso un centesimo"

  668 Visite
668 Visite

Solidarietà dei penalisti al difensore del militare che ha riaperto il caso Cucchi: "Petrelli corretto, illazioni contro di lui infondate"

  1922 Visite
1922 Visite

Giro di vite sul voto di scambio politico mafioso. Comm. Giustizia Senato approva proposta Giarrusso

  6152 Visite
6152 Visite

Parmaliana, storia di un luminare giusto e di un procuratore generale pregiudicato

  582 Visite
582 Visite

Campania, blitz della Guardia di Finanza: 27 GdP ed avvocati in manette per truffa, i nomi diffusi da La Repubblica

  14007 Visite
14007 Visite

"Se un giorno mi dovessero fare quella imbasciata là..." Scene di camorra nella terra di Gomorra

Luciana Esposito
  1299 Visite
1299 Visite

CdM approva "Anticorruzione" ma Salvini si defila: "in 60 milioni alla mercè dei giudici". Crepa nel Governo.

  677 Visite
677 Visite

In memoria del Generale Dalla Chiesa: "Certe cose non si fanno per coraggio, si fanno solo per guardare più serenamente negli occhi i propri figli e i figli dei nostri figli"

  1081 Visite
1081 Visite

C'erano una volta "le lotte politiche e sociali".

  485 Visite
485 Visite

Danilo Dolci un grande costruttore di visioni

  459 Visite
459 Visite

Declinazioni di ne bis in idem: mandato di arresto europeo

  855 Visite
855 Visite

Prime conseguenze dell’incostituzionalità dell’art. 656 c.p.p.

  5358 Visite
5358 Visite