Se questo sito ti piace, puoi dircelo così

Dimensione carattere: +

Musumeci bocciato dal Tar per la chiusura degli hotspot

timthumb

 ​Il Tar Sicilia boccia il Governatore Musumeci che nei giorni scorsi aveva emanato un'ordinanza che disponeva la chiusura degli hospot per gli immigrati clandestini.

L'ordinanza era stata emanata per motivi sanitari per fronteggiare il possibile rischio legato alla diffusione del covid 19 ad opera degli immigrati che in queste settimane approdano sulle coste siciliane.La decisione, come si ricorderà, ha suscitato vibrate reazioni e proteste non solo tra le forze politiche governative ma anche in una vasta parte del mondo del volontariato cattolico e dei vertici della stessa Chiesa. Emblematici sono stati i richiami lanciati dal Papa ma anche da diversi parroci locali.

 Tra questi ultimi richiamiamo solo quello di don Lorenzo Russo giovane prete di Floridia in provincia di Siracusa che rivolgendosi ai fedeli che esultavano per la decisione presa dal Presidente Musumeci così si rivolgeva a loro con un post su Facebook : "Chiedete coerenza a chi vi circonda, imparate voi ad essere coerenti con la fede che dite di professare". Il Ministero dell'Interno e molti altri esponenti del governo nazionale hanno subito criticato la decisione di Musumeci preannunciando l'impugnativa dell'ordinanza avanti al Tar. E così è stato, nel giro di pochi giorni è stato presentato dal Governo Conte il ricorso avanti al Tar Sicilia che oggi ha provveduto ad accogliere la richiesta di sospensiva del provvedimento impugnato.

 I giudici amministrativi hanno sostanzialmente accolto la richiesta del provvedimento cautelare della sospensiva dell'efficacia del provvedimento impugnato perchè, entrando anche nel merito della vicenda, hanno dichiarato che con il provvedimento emesso Musumeci ha esorbitato l'ambito dei poteri attribuiti alle regioni. Nè è servito al Presidente Musumeci richiamare le finalità della tutela della salute per il possibile dilagare del virus Covid 19. Infatti il Tar, ha fatto rilevare che il provvedimento emanato si presentava tra l'altro privo di una rigorosa istruttoria sul rischio sanitario come conseguenza del fenomeno migratorio.

A questo punto viene da chiedersi. Perchè mai il Presidente Musumeci che certamente non è uno sprovveduto della prima ora, si è prestato ad esporsi a cotanto clamore mediatico ? pur essendo certamente stato in grado di comprendere che il suo provvedimento sul piano giuridico non aveva le basi per superare lo scoglio di uno scontato ed annunciato ricorso del governo nazionale?

A molti è sembrato un pretesto per cercare di instaurare un braccio di ferro tra la regione ed il governo centrale per motivi non certamente riconducibili al perseguimento della cura degli interessi dei siciliani.

Si allega il testo integrale dell'ordinanza del Tar in formato scaricabile 

 

Tutti gli articoli pubblicati in questo portale possono essere riprodotti, in tutto o in parte, solo a condizione che sia indicata la fonte e sia, in ogni caso, riprodotto il link dell'articolo.

Un tamponamento può configurare il reato di rapina
Ordine di demolizione, avvio procedimento non comu...