Se questo sito ti piace, puoi dircelo così

Dimensione carattere: +

Né mostri né eroi. I genitori di Giovannino siamo tutti noi

piedin_20191110-091852_1

Il piccolo ha il corpo ricoperto di placche e squame a causa di una malattia genetica chiamata Ittiosi Arlecchino. Una patologia rarissima, che colpisce un bimbo su un milione.

"Non dobbiamo essere eroi, ma rimanere pietosi nelle avversità, senza l'arroganza di ergersi a giudici di quello che pensiamo non saremo mai. Quei genitori, qualunque cosa pensassero prima della disgrazia, siamo tutti noi". Lo avevano voluto con tutte le loro forze, tanto da sottoporsi a fecondazione eterologa. Ma quando finalmente quattro mesi fa è nato, i genitori hanno deciso di abbandonarlo all'ospedale. Puzzava di fake news la vicenda di Giovannino, nome di fantasia del bambino affetto da Ittiosi Arlecchino, patologia così rara da colpire non più di un neonato su un milione. Una disfunzione della pelle rarissima e spietata, a cui i neonati sopravvivono raramente. La pelle, dura e ispessita, si spacca e si formano queste placche terribili, simili al vestito di Arlecchino. I genitori hanno scelto di non riconoscerlo, si prenderà cura di lui il Cottolengo.

Ci ha pensato Silvio Viale, ginecologo dell'ospedale Sant'Anna di Torino e da anni impegnato in Radicali italiani e nell'Associazione Luca Coscioni a spiegare con coraggio e franchezza di cosa stiamo parlando. L'ha fatto con un post su Facebook usando parole dirette che hanno squarciato il velo dei dogmatismi e delle certezze assolute. "Comprendo perfettamente la scelta dei genitori di non riconoscere il neonato. Una scelta doppiamente dolorosa, perché giunta improvvisa al termine atteso di una gravidanza desiderata. Chiunque di noi, potendo conoscere la diagnosi durante la gravidanza, abortirebbe. Chiunque di noi dovrebbe cercare di identificarsi con i genitori. Per capire cosa sia la Ittiosi Arlecchino, la variante peggiore della Ittiosi Autosomica Congenita, bisogna avere il coraggio di guardare le foto reperibili su qualsiasi motore di ricerca. C'è da sperare davvero che non sopravviva, mentre è necessario garantire una assistenza adeguata per il periodo che dovesse sfuggire alla morte". La gara di solidarietà scattata dopo la diffusione della notizia del bambino malato abbandonato dai genitori per il ginecologo è "una cosa penosa": "Troppo facile sorridere, fare i pietosi e mostrare magnanimità a parole, facendo telefonate a vuoto. Il punto è che nessuno si è preso la briga di capirci qualcosa, nessuno sa a cosa sta andando incontro e nessuno ha voluto, per ora, sapere nulla di Giovannino".

    • Una storia personale drammatica che, a causa di una fuga di notizie, è diventata l'ennesimo pretesto per una gogna mediatica nei confronti degli anonimi genitori con un vero e proprio linciaggio mediatico. La colpa? Volevano un figlio "in provetta" e quando il bambino non era "come sul catalogo" hanno deciso di abbandonarlo. A commentare con tanto livore, magari sono gli stessi che se la sono data a gambe levate di fronte alla diagnosi di tumore che ha riguardato la compagna di una vita. Le difficoltà non sono equamente sopportabili per tutti, e nessuno dovrebbe puntare il dito. La gravidanza tanto desiderata non è un'aggravante delle "colpe" dei genitori. Serve invece per comprendere quanto dolorosa, doppiamente dolorosa, sia stata la loro scelta. Essere genitori è difficile, lo è quando hai un figlio sano lo è quando tuo figlio nasce con qualche problema. E la sindrome di cui è affetto Giovannino non è un problema da poco, sono bambini che necessitano di assistenza continua e costante, che hanno poche speranze di una vita normale, se non addirittura di sopravvivere. Giovannino non è un mostro. Quei due genitori non sono dei fanatici del figlio perfetto, desiderio che tutti covano, e nemmeno dei mostri. Sono delle persone normali. "Chiunque di noi dovrebbe cercare di identificarsi con i genitori" scrive Viale, che nel frattempo è destinatario di un procedimento disciplinare da parte dell'azienda ospedaliera. Quei genitori sono persone, né mostri né eroi, ma esseri umani come tutti noi. Ogni tanto dovremmo ricordarci che non avere un'opinione su tutto lo scibile umano è un lusso, un'ammissione di umanità e di fragilità che occorre saper cogliere.

 

Tutti gli articoli pubblicati in questo portale possono essere riprodotti, in tutto o in parte, solo a condizione che sia indicata la fonte e sia, in ogni caso, riprodotto il link dell'articolo.

Coffee break - Umorismo (non solo) giuridico
"Comportati con onestà e nulla temerai". L'esempio...

Forse potrebbero interessarti anche questi articoli