Se questo sito ti piace, puoi dircelo così

"Nel segno del Giglio". La primavera è sbocciata alla Reggia di Colorno

La partita

Le istituzioni ringraziano i carabinieri di San Donato: "Con coraggio avete salvato i nostri figli"

Franco Battiato, messaggio dall'Etna: "Il peggio è passato, sto meglio e sto lavorando a un nuovo brano"

Rita Dalla Chiesa, post virale su Twitter: "Consumo 12 euro ma Enel me ne fattura 68, e poi si presentano pure in TV"

Topolino contro Cacciari, Calenda e Salvini: "Mi sfottete, e se dicessi che i politici sono tutti ladri?"

Sansonetti bye bye, alla direzione de Il Dubbio arriva Carlo Fusi

"Fatto decisivo oggetto di discussione". Cassazione chiarisce significato 360, 1, n. 5 cpc post riforma

Quando devo chiedere i soldi mi prefiggo di farlo come prima cosa e poi non lo realizzo neanche all'ultimo

"Rami italiano per meriti speciali". Governo concede cittadinanza al piccolo eroe del bus, lui: "Io Carabiniere"

Padova, in 50mila al corteo di Libera, Mattarella: "Ricordare i nostri morti atto di dignità"

Sentenza Matei, ecco il ricorso alla SC: "Tempesta emotiva? No, gelosia al massimo grado"

"Oggi lasciate che io sia felice, il mondo è la mia anima". Giornata della Felicità, omaggio a Neruda

È quasi primavera, alle 20:58 di stasera il grande equinozio

Fernando Botero, L'avvocato

"Lorenzo è caduto, una vita a fianco degli oppressi". Su Fb il testamento politico di Orsetti

"Se mi tornassi accanto, un uomo vivo col tuo cuore è un sogno...". Ai papà che non ci sono più

I corridoi di Palazzaccio

 I corridoi di Palazzaccio, il grande palazzo di travertino sede della Suprema Corte di Cassazione, sono immensi corridoi con grandi vetrate: sono ampi, larghi dieci metri, alti almeno 20 metri, lunghissimi, a volte angosciosi, perché si cammina e sembra di non arrivare mai da nessuna parte. Ogni tanto piccole porte rivelano una fuga di corridoi, o portoni grandi come quelli di un condominio del quartiere Prati si aprono su scale che scendono e salgono. Qualche commesso appare e scompare nei corridoi laterali, spingendo carrelli pieni di fascicoli.

Mi viene in mente un dramma di Ugo Betti, nel quale un commesso che lavora all'archivio dei processi definiti dice: "Io sono il becchino. "Questo (battendo sul carrello carico di fascicoli) è il carro funebre, e questi sono i cadaveri. E mostrò i fascicoli. E poi continuò: Quando penso alla quantità di sudore, soldi e sospiri racchiusa anche nella più stupida delle carte che formano il più piccolo di questi fascicoli! Noi ci incolliamo un numero, li registriamo in un bel librone, e la gente fa finta di credere che tutto ciò resti importante per saecula saeculorum, e si possa sempre ritrovare il filo di tutto...e poi, prima ancora dei topi e dei tarli, sono gli stessi interessati a dimenticare..."

Nelle navate del Palazzaccio, in questi grandi, enormi corridoi dove ci si sente soli e smarriti, e piccoli di fronte all'immensità della Giustizia e ai suoi misteri, il sole entra dalle grandissime vetrate: come in un enorme porticato, con gli archi altissimi chiusi da vere e proprie finestre. A volte, il sole entra di traverso, e disegna sul pavimento quattro grandi riquadri di luce, che corrispondono alla ripartizione delle vetrate in altrettanti riquadri di vetro. E quindi i fasci della luce del sole entrano di sbieco, e sono perfettamente visibili nella lieve penombra del corridoio, e finiscono come ho detto contro il pavimento.

Proprio l'altro giorno, in uno di questi riquadri di luce era fermo un signore su una carrozzella da invalido.

Mi avvicino lentamente (con incedere elegante). Sembra dormire, e l'unica nota di colore è una sciarpa rossa che porta al collo: la carrozzella è scura, il vestito è nero, appesa dietro la carrozzella una borsa nera, i capelli della testa china in avanti sono neri. Solo la sciarpa rossa spicca nel riquadro disegnato dal sole, e quei raggi la rendono ancora più rossa e viva, quasi l'unica cosa animata.

"Così riformeremo il diritto di famiglia". Le priorità del Governo: "Stop ai bambini merce di scambio e adozioni più rapide".

Andreoli: "Società in declino, dominano gli stupidi, le donne sono tornate a essere preda di omuncoli"